Sport

Pato e quello strano infortunio a Bruxelles

Una botta il 21 novembre e poi basta Milan. Le voci di una minaccia: "Vendetemi oppure..."

Pato e il contratto

Pato è legato al Milan fino al giugno 2014 – Credits: La Presse

Ci sono due versione dei fatti che circolano sulla fine del rapporto tra Pato e il Milan. Fu guerra o scelta condivisa? Secondo i brasiliani si tratta di una rottura completa maturata dopo mesi di incomprensioni nei giorni tra la trasferta di Napoli e quella di Champions a Bruxelles. Secondo il Milan no: Pato se ne andrà perché alla fine la scelta conviene a tutti e viene presa in pieno accordo. Qualunque sia la verità assume contorni più chiari il giallo dell’ultimo infortunio di Pato in rossonero.

Bisogna tornare indietro con la memoria al 21 novembre scorso. Il Milan gioca a Bruxelles contro l’Anderlecht e vince nella ripresa dopo aver sofferto nel primo tempo. Pato entra a 22 minuti dalla fine e realizza su assist di El Shaarawy la rete della sicurezza. E’ la sua seconda in poche settimane dopo il gol del pareggio contro il Malaga. Sarà la sua ultima con la maglia del Milan.

Nel finale Pato viene steso da un avversario e spaventa tutti. Si tiene il muscolo della coscia e sembra nuovamente vittima di un guaio muscolare. Invece rientra e finisce la partita in campo. Poi in zona mista sbotta: ”Il futuro? El Shaarawy sta facendo bene, però adesso vediamo: voglio giocare, adesso viene il mio procuratore e poi vediamo”.

Si parla di iperestensione al muscolo. Poi di semplice ematoma. Pato sparisce nel nulla. Non si allena più con la prima squadra a Milanello e non gioca più nemmeno un minuto. Ufficialmente è infortunato e non si capisce perché non guarisca. Ne parlano con preoccupazione sia Berlusconi che Allegri. Però un mese e mezzo per una semplice ‘botta’ sono troppi per non destare sospetti.

In mezzo c’è l’incontro tra Galliani e Gilmar Veloz. Cosa si sono detti? Secondo i brasiliani di Globoesporte Pato ha minacciato il Milan: “O mi cedete subito al Corinthians oppure aspetto il 2014 e me vado a parametro zero“. Secondo il Milan il giocatore ha ricevuto attestati di fiducia da parte di Allegri e del club.

Fatto sta che non rientra, parte per le vacanze e viene di fatto ceduto proprio al Corinthians garantendo al Milan un’importante plusvalenza. Il prezzo è quello giusto e alla fine va bene così. Resta il mistero dell’ultimo infortunio. Dal 21 novembre al 3 gennaio (giorno dell’addio al Milan) senza più allenarsi e giocare. Davvero tutto solo per un brutto colpo alla coscia?

Seguimi su Twitter e Facebook

© Riproduzione Riservata

Commenti