Sport

RETROSCENA - Prandelli al Gala: i contatti prima del Mondiale e l'accordo-lampo

L'ex ct trova subito squadra e un ricco contratto in Turchia. Ecco come è nata la trattativa con la regia di un ex viola - Cesare, quando ci spieghi il flop?

Cesare Prandelli – Credits: Ansa

E' rimasto senza panchina per 216 ore. Tante ne sono passate tra il fallimento mondiale contro l'Uruguay con dimissioni e l'accordo con il Galatasaray, non ancora ufficializzato ma che il presidente del club turco ha già dato per chiuso. Cesare Prandelli sarà il nuovo allenatore del Galatasaray. Contratto pesante, ma non faraonico. In Turchia si parla di uno stipendio da 4 milioni netti con bonus che lo porterebbero a 5, ma in realtà il contratto risulta essere da 2,5 milioni netti a stagione con un sistema di bonus (alcuni molto semplici da raggiungere come la qualificazione alla prossima Champions, altri legati a risultati più complicati) lo portano in area-Mancini, l'ex allenatore che viaggiava tra i 3,5 e i 4 netti.

Un fulmine a ciel sereno per molti ma non per tutti, se è vero che qualche contatto fra il club turco e persone vicine all'ex mister di Parma e Fiorentina c'era già stato nelle scorse settimane, prima del Mondiale. A metà maggio i dirigenti turchi - consci dell'addio di Roberto Mancini - avevano sondato tramite un agente italiano il commissario tecnico che a Coverciano stava chiudendo l'impegno con la Figc al rinnovo biennale fino al 2016, firmato prima di imbarcarsi per il Brasile. Prandelli aveva declinato rinviando qualsiasi discorso a dopo il Mondiale. Il flop in terra brasiliana lo ha costretto ad abdicare con dimissioni irrevocabili e la rinuncia al biennale da 1,7 milioni di euro netti a stagione. Cifra inferiore a quanto percepirà in Turchia, dove sarà chiamato a riportare i giallorossi al titolo. Rientrato in Italia il canale dei contatti si è riaperto e la trattativa è andata in porto in poche ore. A rompere gli indugi è stato Unal Aysal, presidente del Gala, con una serie di tweet 'ufficiali' nel cuore del pomeriggio dopo che il club aveva da qualche ora annunciato l'apertura della trattativa: "Prandelli assumerà le sue nuove funzioni da lunedì. È un allenatore che rientra nei nostri criteri. Può vincere il campionato in modo rilassato. La stagione calcistica 2014-2015 sarà molto bella. Me lo sento".  

Nonostante i contatti avviati con David Moyes, ex Manchester United, la cui disponibilità era stata sondata nelle scorse settimane dopo l'addio di Mancini, proprio il mister di Orzinuovi è sempre stato l'obiettivo primario per il diesse Ujfalusi, che di Prandelli è stato giocatore alla Fiorentina e che ha svolto un ruolo fondamentale nella trattativa, caldeggiando ai vertici del Galatasaray il nome del suo ex tecnico. Prandelli torna sulla panchina di un club dopo 4 anni ed è, forse, la soluzione più gradita. In inverno avevano annunciato l'intenzione di chiudere con la nazionale al termine dell'avventura brasiliana, salvo poi tornare sui suoi passi e discutere di una conferma prima fino al 2018 con pieni poteri su tutto il settore tecnico Figc e poi solo biennale. A febbraio Prandelli aveva rifiutato un triennale principesco dal Tottenham, ma il calcio estero era comunque nel suo destino. 

© Riproduzione Riservata

Commenti