Sport

Pogba, è nata una stella. La Juve riparte

Doppietta del francese arrivato a costo zero dallo United. Per Conte prima vittoria del 2013

 

La Juventus si rialza e trova la prima vittoria del 2013. Mancava dal 21 dicembre, spezza una mini-serie nera che aveva permesso alle inseguitrici di avvicinarsi e allunga in vetta in attesa che il Napoli risponda contro la Fiorentina. Tutto nel nome di Paul Pogba, classe 1993, talento purissimo su un carattere ancora da forgiare come qualche intemperanza a inizio stagione ha lasciato intravedere.

Tutto perdonato e la partita contro l'Udinese (finale 4-0) consegna a Conte un autentico top player. Ha solo diciannove anni ma fa già la differenza, ha personalità da vendere e coraggio perché solo chi non ha paura può inventarsi un gol come quello che al 40' del primo tempo ha spezzato l'equilibrio: esterno destro da trenta metri a oltre 100 km/h sotto l'incrocio dei pali.

A Torino lo ha portato Mino Raiola in estate sfidando le ire di Sir Alex Ferguson. Parametro zero poi diventato indennizzo da un milione di euro per il Manchester United. Oggi il suo valore si è rivalutato più di un bond tedesco. Non è sul mercato, ma potrebbe spingerci qualche compagno di reparto in modo da mettere via un tesoretto per il top player in attacco.

Pogba ha aperto e chiuso la partita. Vantaggio al 40' già raccontato e raddoppio a metà ripresa con un altro destro dalla distanza. L'Udinese è sparita sul 2-0 e ha subito le reti anche di Vucinic e Matri. Partita tutto sommato dominata e non era scontato viste le assenze pesanti a centrocampo. Assetto di volo recuperato e messaggio importante alla concorrenza a partire dalla Lazio bloccata a Palermo sul 2-2. La Juventus non molla nulla. Basta distrazioni e la voglia di riprendersi il vantaggio di prima.

© Riproduzione Riservata

Commenti