Sport

Da Fernandes a Stocker, la nuova Lazio di Petkovic

Lotito vuole confermare il tecnico serbo e costruire una squadra competitiva anche in Europa

Lulic esulta dopo il gol nel derby di coppa Italia (Ansa)

Neppure il tempo di godersi una notte storica culminata nella vittoria della Coppa Italia sui rivali della Roma, che sull'universo laziale si è palesato qualche squarcio nebuloso. Il "Vedremo quale sarà il mio futuro" demandato ai cronisti da Vladimir Petkovic sottende una situazione, che in casa biancoceleste si era fatta tesa nelle scorse settimane. Dopo un idillio durato fino a febbraio - in cui la squadra capitolina veleggiava in zona Champions League - il brusco rallentamento della seconda parte di stagione aveva minato qualche certezza in seno alla dirigenza. Petkovic si giocava molto nella finale di Coppa e l'aver centrato in maniera convincente il trofeo l'ha, di fatto, confermato. Ma non blindato. Infatti l'ex allenatore dello Young Boys è in scadenza di contratto fra un anno. Le parti stanno lavorando all'allungamento sino al 30 giugno 2016. La condicio sine qua non per accettare tale proposta è di godere di ampi poteri anche in sede di mercato. Ambito in cui opera in prima persona Claudio Lotito per ciò che concerne il territorio nazionale; mentre sul fronte estero si disimpegna il diesse Igli Tare, spesso coadiuvato da un consigliere d'eccezione come l'agente Fifa Kevin Fioranelli. Proprio Fioranelli portò nella capitale il semisconosciudo Senad Lulic, oggi icona laziale dopo il gol-vittoria contro la Roma. Un esterno che attualmente vale 15 mln e non a caso è finito sul taccuino di grandi club come Bayern Monaco, Borussia Dortmund e Juventus.

Fioranelli che, da poche settimane, si è anche accaparrato la procura del giovane talento Onazi, scoperto anni fa in una scuola calcio di Lagos da Taribo West. Il primo rinforzo per l'anno venturo richiesto da Petkovic si chiama Gelson Fernandes. Il mediano brasiliano, ma naturalizzato svizzero, milita nel Sion, tuttavia non vanta trascorsi memorabili in Italia con Chievo e Udinese. Sempre dal campionato elvetico Petkovic vorrebbe portare a Roma il gioiello del Basilea Valentin Stocker. Da risolvere poi i casi spinosi Zarate e Cavanda: entrambi separati in casa a tutti gli effetti. Il primo vorrebbe tornare in Argentina al Velez Sarfield; mentre per il secondo sono arrivate richieste dalla Premier League (Sunderland e Everton). Quest'ultimo, però, non è intenzionato a rinnovare il proprio contratto in scadenza nel 2014 e così rischia seriamente di passare l'anno in tribuna come accaduto quest'anno a Mobido Diakitè. Situazioni scorbutiche da gestire e che Petkovic non vorrebbe sopportare per un'altra intera stagione. Gli effetti polemici delle querelle Zarate talvolta hanno minato la serenità dell'ambiente fra liti, tweet velenosi e cause di mobbing. Per questo Lotito, per una volta, potrebbe cedere dinanzi ai suoi principi irremovibili. cercando un punto d'intesa con i due dissidenti per chiudere, definitivamente, la questione. In modo da liberarsi da un lato di due situazioni problematiche e dall'altra facendo felice il tecnico croato. Pronto a restare così alla guida della formazione biancoceleste per aprire un ciclo duraturo e vincente.

© Riproduzione Riservata

Commenti