Andrea Dovizioso
MotoGP

MotoGP: Misano si colora di rosso

Con Valentino fuori dai giochi per infortunio e Andrea Dovizioso leader della classifica, il tifo sarà tutto per la Ducati

Domenica 10 settembre sarà il circuito di Misano a ospitare la tredicesima gara del Motomondiale: il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini. Dal 2012 l'autodromo di Santamonica si chiama "Misano World Circuit Marco Simoncelli" in omaggio al pilota di Coriano, nemmeno 10 km dalla pista, scomparso a 24 anni il 23 ottobre 2011, durante la gara in Malesia.

Il circuito

Realizzato da Enzo Ferrrari nel 1972, il tracciato romagnolo è tornato a far parte del calendario nel 2007, dopo 13 anni di assenza; è stato modificato l'ultima volta nel 2008 e i piloti lo percorrono in senso orario. Il circuito è lungo 4,226 km, presenta un rettilineo principale di 565 mt e si snoda su 16 curve (6 a sinistra e 10 a destra). Non è tra i più veloci del campionato: alterna tratti di percorrenza a gas spalancato con curve strette e lente che richiedono la terza marcia. Nel 2016 Dani Pedrosa su Honda ha vinto e ha segnato il record della pista: 1'32"979.

Il "Dottore" non corre, ma c'è

L'incidente in enduro di giovedì costa caro a Rossi. La frattura di tibia e perone della gamba destra obbliga il rider della Yamaha a saltare la gara di casa: Tavullia dista 13 km da Misano Adriatico. Il pesarese non sarà sulla griglia di partenza, ma la sua presenza nel paddock è certa, anche solo per un saluto veloce: migliaia di tifosi hanno comprato il biglietto per applaudirlo in pista e il loro idolo non li deluderà. Il foltissimo popolo giallo lo aspetterà sulla tribuna fan club più grande del mondo, la Brutapela: dai 3.500 posti iniziali, ora supera i 18.000.

Ducati in difesa

Dopo 2 vittorie consecutive, Andrea Dovizioso è più sicuro che mai dei propri mezzi; leader della classifica con 183 punti, pilota italiano su moto italiana, non vede l'ora di correre in Romagna. Per aumentare il distacco di 9 punti da Marc Márquez il forlivese punta al gradino più alto del podio (sarebbe il quinto della stagione), senza rischiare, però: rimanere in testa al ranking a 5 GP dalla fine del Mondiale gli assicurerebbe un enorme vantaggio.

Invece non ha nulla da perdere Jorge Lorenzo, che nella gara di casa della "rossa" sogna il risultato migliore della stagione (dopo il terzo posto a Jerez). Sesto a Silverstone, a 3 secondi dal compagno di box, il fuoriclasse di Maiorca è in costante miglioramento.

Honda e Yamaha in attacco

I piloti ufficiali del Repsol Honda Team Marc Márquez e Dani Pedrosa, rispettivamente secondo e quinto in classifica con 174 e  138 punti, sono in lotta per il titolo e il numero di Gran Premi a disposizione è limitato: per questo a Misano Adriatico entrambi sfrutteranno ogni occasione per arrivare davanti a "Dovi". Oltre a loro, Cal Crutchlow (LCR Honda) farà di tutto per finire tra i migliori: talento e grinta non gli mancano.

La Yamaha ha deciso di non rimpiazzare Rossi, quindi Maverick Viñales sarà l'unico pilota nel box della scuderia factory giapponese: terzo nel ranking con 170 punti, il catalano avrà tutta la responsabilità della squadra sulle spalle, ma ha dimostrato di saper gestire bene la pressione. Anche Johann Zarco, che sembrava dovesse sostituire Valentino, e Jonas Folger del team privato Monster Yamaha Tech 3 daranno del filo da torcere a Dovizioso.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le donne del Motomondiale

Il paddock è territorio esclusivo degli uomini? Non più, la quota rosa cresce di stagione in stagione: dieci (tra le tante) protagoniste si raccontano

Commenti