Marc Márquez
MotoGP

MotoGP, Misano: Márquez vince davanti a Petrucci e Dovizioso

Il campione del mondo in carica batte il rider umbro all'ultimo giro e raggiunge "Dovi", terzo, in testa al ranking

Prima sotto la pioggia battente, poi con l'asfalto quasi asciutto, Marc Márquez vince il GP di San Marino e della Riviera di Rimini, la gara più lenta e difficile della stagione (sette piloti non tagliano il traguardo). A farne le spese è Danilo Petrucci, secondo per un soffio. Andrea Dovizioso si accontenta del terzo posto: non perde la testa della classifica, ma divide la prima piazza con il catalano, a 199 punti.

Márquez rischia

Se il rider di Cervera fosse caduto, avrebbe compromesso la lotta per il Mondiale: il distacco da Dovizioso al termine del tredicesimo Gran Premio sarebbe stato di 25 punti. Invece la stella del team Repsol Honda non fa i conti: bracca Petrucci, aspetta l'ultimo giro per superarlo con una staccata magistrale alla curva che conduce al rettilineo e supera per primo la bandiera a scacchi. L'azzardo paga: oltre alla vittoria, Márquez riconquista la vetta del Mondiale, che divide con il ducatista.

Ducati al top

Le "rosse" occupano due gradini del podio: Petrucci, secondo, del team satellite Octo Pramac Racing, sfiora la prima vittoria della carriera nella classe regina. Dovizioso, rider della scuderia ufficiale Ducati, preferisce evitare l'azzardo sulla pista umida: arriva terzo, amministra il vantaggio nel campionato e rimane primo, anche se in coppia con Márquez.

Prestazione favolosa di Michele Pirro: il collaudatore della "rossa", wild card a Misano, parte undicesimo e conclude in quinta posizione. Il compagno di box di "Dovi" Jorge Lorenzo è un missile e conduce fino al sesto giro, quando si chiude lo pneumatico posteriore. L'highside spaventoso mette ko il maiorchino, ma non gli causa danni.

Yamaha regge

Maverick Viñales sembra aver recuperato con la M1 il feeling che aveva a inizio stagione. Quarto, guadagna punti importanti per giocarsi il titolo e sale a quota 183. È lui a non far perdere terreno al team Movistar Yamaha in attesa del rientro di Valentino Rossi, grande assente nel GP di casa. Pur di conquistare 1 punto, l'irriducibile Johann Zarco spinge la sua M1 2016 fino al traguardo: il rider della scuderia privata Monster Yamaha Tech 3 disputa una buona gara (settimo), ma la moto lo lascia a piedi e conclude quindicesimo. Senza fiato, ma con orgoglio.

La classifica

A cinque Gran Premi dalla fine, il ranking sembra delinearsi: Dovizioso, Márquez e Viñales sono i favoriti alla vittoria, con il rider della Yamaha che si trova a -16 punti dai primi due. Il campionato riserva continue sorprese, ma Rossi, a quota 157 punti, e Daniel Pedrosa, a 150 punti, si stanno allontanando dal vertice.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le donne del Motomondiale

Il paddock è territorio esclusivo degli uomini? Non più, la quota rosa cresce di stagione in stagione: dieci (tra le tante) protagoniste si raccontano

Commenti