Sport

Ljajic, si muove la Roma

Della Valle saluta il serbo: "Dipende da lui restare ma ci sono poche possibilità". Giallorossi alla finestra con il Milan

Adem Ljajic (Fiorentina-Cagliari 1-0)

Fiorentina's Adem Ljajic, of Serbia, looks on during a Serie A soccer match between Fiorentina and Cagliari, at the Artemio Franchi stadium in Florence, Italy, Sunday, Dec. 5, 2010. Fiorentina won 1-0. (AP Photo/Fabrizio Giovannozzi)

Quella contro il Grasshopers potrebbe essere stata l'ultima partita in viola di Adem Ljajic. La fine del mercato si avvicina e le possibilità che resti alla Fiorentina scendono con il passare dei giorni. Ora lo ammette anche la società e le parole del presidente Andrea Della Valle a Zurigo hanno il sapore di un addio: "Ci sono diverse ipotesi percorribili. La settimana prossima si deciderà, dateci ancora qualche giorno. Io personalmente lo terrei, certo, ma bisogna capire la volontà del giocatore e la situazione ambientale. In questo momento è difficile che resti".

Dunque Ljajic è più che mai lontano dalla Fiorentina. L'incontro decisivo tra la società e il suo procuratore non c'è ancora stato, ma avverrà prima del 2 settembre perché la certezza è che i viola non passeranno un altro caso Montolivo, con un giocatore importante ai margini del progetto e separato in casa. Ljajic sul mercato ha il prezzo di 10 milioni di euro. Chi lo copre? Il Milan si è fermato a 8 e Galliani è pronto a ripetere l'offerta cercando anche di mettere pace con la famiglia Della Valle dopo le polemiche delle scorse settimane.

L'Atletico Madrid, che sarebbe arrivato ai 10 milioni, si è tirato fuori dalla partita denunciando l'esistenza di un preaccordo tra Ljajic e il Milan (smentito da Pradè). Nelle ultime ore si è affacciata anche la Roma, che potrebbe reinvestire parte del budget ottenuto con le cessioni di Osvaldo e Lamela, regalando così ai tifosi un nuovo nome. Ma decide tutto la volontà del giocatore che si è promesso al Milan e ha già raggiunto un accordo per un contratto da 2 milioni netti a salire fino al 2018. Ancora qualche giorno e tutto sarà chiaro.

© Riproduzione Riservata

Commenti