Sport

Juve, rabbia e rimonta

Bianconeri in difficoltà ma vincono. Contestato (anche dal Cagliari) l'arbitraggio di Damato

 

La Juventus non si ferma più. Vince anche contro il Cagliari seppure in rimonta e allunga la sua striscia da record. Vince 3-1 ma il risultato non inganni. E' stata a lungo sotto per un rigore di Pinilla ed è stata salvata da una doppietta di Matri e dalla rete finale di Vucinic. Solida e fortunata al contrario del Cagliari che ha chiuso quasi in nove per l'espulsione di Astori a metà ripresa e i crampi che hanno copito Ekdal. Gara condizionata dai fischi del direttore di gara tra mille proteste.

GLI EPISODI - Serata difficile per Damato e Orsato. Tutto liscio in occasione del rigore del vantaggio del Cagliari al 16' del primo tempo perché Sau allarga leggermente la gamba ma l'entrata di Vidal è fuori tempo e il penalty ci sta. I problemi cominciano al 39' della prima frazione quando Astori affossa Quagliarella con una cravatta che viene perdonata dal direttore di gara ma che avrebbe potuto essere sanzionata con un rigore. Poi, nella ripresa, quando ancora la Juventus è sotto c'è la spinta ad Asamoah a un metro dalla linea di porta che sbilancia il ghanese. Palla fuori e proteste furenti. C'è il rigore su Giovinco che Vidal spara alle stelle. Sull'azione della rete di Matri che regala la vittoria il mani di Vidal è al limite. A lamentarsi questa volta il Cagliari ma la Juventus vince la partita.

LA RABBIA DI CELLINO - "Mi lascia perplesso l'atteggiamento di tutta la partita senza tenere conto degli sforzi fatti per venire qui a giocare. Questo è un campionato falsato. Un anno fa siamo andati ovunque senza problemi e questa volta abbiamo avuto la disponibilità del campo due giorni prima e la Juve si è rifiutata. Abbiamo perso finendo in nove e con cinque ammoniti e con arbitraggio molto insufficiente. Colpe? Tanto loro vincono comunque e se anche non hanno le stelle se le prendono con la forza. Disgustato dal calcio italiano. Passano gli anni e non cambia nulla"

LA REPLICA DI CONTE - "A me quello che dice Cellino non interessa. A lui risponderanno i dirigenti. Abbiamo fatto il record di punti in una stagione battendo la Juve di Capello e vi prego di confrontare le rose di queste squadre. Il Cagliari è stato solo il rigore deciso da Orsato e null'altro in tutta la partita"

LA POLEMICA DI MAROTTA - "Noi siamo gli ospitati in questa gara. E' anacronistico che in due stagioni consecutivi si giochi contro il Cagliari in due stadi diversi e non nel loro. Colpa del Cagliari che non ha una struttura. Non ci siamo opposti e abbiamo subito un danno insieme ai nostri tifosi. Cellino? Visto che utilizza la tv per dirmi cose che non dice in faccia lo uso anch'io. Ha detto cose vergognose. Abbiamo meritato le tre stelle, le abbiamo sul petto e sul campo"

© Riproduzione Riservata

Commenti