Sport

Inter: blindato Ranocchia, in arrivo Dodò

Per il difensore 2,5 milioni netti a stagione sino al 2018, mentre si tratta il passaggio in nerazzurro del brasiliano. Lontanissima l'ipotesi Pato

Andrea Ranocchia, 26 anni: il suo futuro sarà ancora nerazzurro. – Credits: Getty Images.

Weekend decisamente denso di trattative per Piero Ausilio, che nella giornata di sabato ha incontrato Roberto Calenda. L'agente di Jonathan e Maicon ha proposto al club nerazzurro il profilo del suo assistito Dodò per completare la corsia mancina. Un'operazione da chiudere in prestito con diritto di riscatto già fissato a cifre abbordabili e non superiori a 5-6 milioni di euro, con Walter Mazzarri che ha dato l'avallo all'arrivo in nerazzurro del laterale brasiliano.

Un Inter verdeoro sulle fasce ma non in attacco: non hanno infatti trovato conferma le voci riguardanti un clamoroso ritorno a Milano, ma sulla sponda interista del Naviglio, di Alexandre Pato. L'ex rossonero non è intoccabile al San Paolo, al quale è legato in prestito sino al 2015: il Corinthians dinanzi a una proposta intorno ai 15 milioni di euro lo venderebbe senza patemi eccessivi, ma il suo agente Gilmar Veloz ha fatto intendere di non essere stato minimamente contattato finora né da Ausilio né da Thohir. In realtà alcuni intermediari che operano sull'asse Italia-Brasile hanno proposto Pato a Juventus e Inter due settimane fa, ma sinora le risposte nei confronti del "Papero", com'è soprannominato l'ex centravanti del Milan, sono state tiepide.

Chi invece rimarrà in pianta stabile alla corte di Mazzarri e dovrà ricoprire un ruolo importante e di prestigio, è Andrea Ranocchia. Con il suo agente, Tullio Tinti, c'è l'intesa per l'estensione del contratto del difensore centrale fino al 2018: 2,5 milioni netti a stagione quanto dovrebbe guadagnare il classe '88, che sarà anche il nuovo capitano della formazione interista. Scongiurati così i tentativi juventini per l'ex Bari, che proseguirà la propria avventura nerazzurra che lo proietta nell'Olimpo delle bandiere del club di corso Vittorio Emanuele.

© Riproduzione Riservata

Commenti