Sport

Inter, ecco gli acquisti di Thohir

Leonardo alla guida delle operazioni di mercato riaprirebbe una trattativa per Verratti con il Psg. E in più... - 5 domande per Moratti e Thohir - L'Inter di Moratti, fotostoria  

La nuova Inter di Erick Thohir pensa subito in grande e nasce dal concretizzarsi di un'operazione di cessione lunga e complessa. La famiglia Moratti, dopo aver valutato l'affidabilità del gruppo diretto dal tycoon indonesiano, si era messa al lavoro per garantire all'Inter una base stabile e forte da cui ripartire. Una radice italiana non solo in società ma anche nei punti cardine dei ruoli decisionali. Il progetto Mazzarri era iniziato a balenare come soluzione già un anno fa e l'arrivo di tanti giovani è il primo passo verso la nuova Inter indonesiana. Thohir e il suo entourage sanno di ritrovarsi di fronte ad una sfida ambiziosa.

Il già presidente dei D.C. United, squadra della Major League Soccer americana, e tra i proprietari dei Philadelphia 76ers insieme a Will Smith, vuole misurarsi con il calcio europeo. Il suo Mahaka Group non vede l'ora di far esplodere una mania nerazzurra in patria e nei prossimi anni non mancheranno gli investimenti tecnici di livello oltre che uno sviluppo esponenziale del merchandising e del marchio Inter FC. Walter Mazzarri è stato l'ultimo vero regalo della famiglia Moratti, un tecnico navigato e di talento capace di insegnare e impiantare una tattica di gioco chiara e funzionale.

Nei prossimi mesi si passerà alla nuova politica: giovani forti ma anche top player in scadenza di contratto e investimenti importanti ogni tre anni. Oltre a Montoya del Barcellona e Vrsaljko dal Genoa (in estate si era detto "Vrsaljko è un giocatore sicuramente interessante, è giovane. Rientra nei parametri che l'Inter sta seguendo") il vero nodo sarà il nome dell'uomo che gestirà il calciomercato. L'indiziato numero uno resta Leonardo, appena liberatosi dal Psg e pronto a mettersi al servizio di nuovi milionari orientali. Con lui si potrebbe cercare il colpo Verratti: il mediano italiano ha appena rinnovato con i francesi nel 2018 ma la volontà di tornare in Italia c'è ancora e il Paris Saint Germain non lo dichiara incedibile. Icardi e Verratti sarebbero i due simboli di un rinnovamento che passerà anche per giocatori di alto profilo: rete di osservatori rinnovata e possibilità anche di guardare i gioielli di Premier e Liga per portarli in Italia, come si faceva un tempo.

Il sogno per gli interisti va cercato nella testa del nuovo proprietario, un uomo ambizioso e amante dello sport che fin dal primo giorno della trattativa ha immaginato diversi top player con la maglia nerazzurra. Primo tra tutti Wayne Rooney, stanco di Manchester e di dover continuare senza Alex Ferguson. In estate era arrivato ad un passo dal Chelsea di Mourinho ma è stato il club a dire no. Il contratto in scadenza nel 2015 lo renderà il pezzo pregiato della prossima stagione e l'arrivo di Leonardo (che lo stava trattando anche nel suo ultimo periodo in Francia) potrebbe velocizzare i contatti. Un'operazione tutt'altro che impossibile.

Altro arrivo dovrebbe essere Ibarbo, forte e veloce colombiano del Cagliari che in 72 partite di serie A ha segnato 9 reti. Un obiettivo di vecchia data, Gaston Ramirez, potrebbe tornare in Italia e rubare il posto a Ricky Alvarez mentre a centrocampo si tiene d'occhio Pedro Obiang della Sampdoria sul quale il Marsiglia ha messo gli occhi da tempo. Sempre via Parigi potrebbe essere la volta buona per arrivare a Gregory Van der Wiel, esterno ex Ajax che Marco Branca segue da anni. Attenzione anche a diverse operazioni che in estate non sono andate in porto ma che continuano anche d'inverno: Nainggolan anche a gennaio mentre tra i possibili regali di benvenuto c'è sempre Hernanes che dopo la Lazio sa di dover giocare stabilmente l'Europa che conta in una big. La Premier è la prima tentazione ma il nuovo progetto indonesiano fa gola a tutti. 

© Riproduzione Riservata

Commenti