Sport

Il Verona in A piace (alla Lega Calcio ed agli sponsor)

Una piazza prestigiosa, un club storico, una tifoseria calda e presente per uno sposor (ed un giocatore) a stelle e strisce

I giocatori dell'Hellas Verona festeggiano il ritorno in serie A (Credits:

Dopo undici anni di purgatorio spesi fra Serie B e Lega Pro l'Hellas Verona è ritornato in Serie A. Una piazza come quella scaligera rappresenta un importante bacino d'utenza per spettatori e botteghini. Per questo motivo il ritorno dei gialloblù nella massima serie è stato accolto con soddisfazione da tutti in Lega Calcio. Una piazza capace di portare allo stadio oltre 15mila spettatori in Prima Divisione, può rappesentare un importante indotto per tutto il movimento della massima serie.

Un Hellas Verona che guarda al futuro con ambizione. Il salto in A porterà nelle casse scaligere 29 mln di euro in più fra diritti televisivi e merchandising. In tal senso un colosso come la Nike non poteva farsi sfuggire (dopo aver messo le mani sulla Roma a partire dal 2014) un club di cotanto appeal. Per questo gli statunitensi diventeranno lo sponsor tecnico della società del presidente Maurizio Setti per il prossimo quadriennio. Un accordo importante che verrà siglato e ufficializzato nei prossimi giorni. Intanto in casa Nike si cerca un testimonial per sdoganare il marchio veronese anche al di là dell'Atlantico.

Non è un caso che settimana scorsa il diesse Sean Sogliano abbia incontrato il collega romanista Walter Sabatini. Dalla Capitale ci sono in arrivo al Bentegodi almeno un paio di rinforzi. Fra questi c'è il centrocampista americano Michael Bradley. Un
innesto di spessore per la mediana che, con tutta probabilità, sarà allenata da Beppe Sannino. Un giocatore di livello, la cui nazionalità lo rende il testimonial ideale per espanere in america il brand Hellas Verona.  

Dopo oltre due lustri di inferno, vissuti a scrutare dal basso verso l'alto i "Mussi volanti" dei cugini del Chievo, l'Hellas è pronto a riprendersi lo scettro di regina della città di Giulietta e Romeo. Un Hellas che ambisce al ruolo di matricola terribile della prossima Serie A. Non un ruolo da comparsa, bensì da protagonista.

Il progetto Setti è solo all'inizio, ma già ben avviato come certifica la promozione in A conquistata al primo colpo. Un work in progress in espansione, per dirla all'americana...

© Riproduzione Riservata

Commenti