ferrari_box
Formula 1

Marchionne: "Ferrari mondiale prima del 2018"

Dal Salone dell'auto di Ginevra, il presidente della scuderia di Maranello si è detto "ottimista perché il peggio è passato". Il titolo? "Una cosa dovuta"

L'uomo di Maranello ha detto sì. Dal Salone dell'auto di Ginevra, Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fca e presidente della Ferrari, entra nel merito delle attese e dei possibili traguardi della rossa in vista del campionato mondiale della Formula 1 al via in Australia il 15 marzo all'Albert Park di Melbourne. Per Marchionne, la Ferrari ha dimostrato di essere sulla strada giusta per cambiare l'inerzia tutt'altro che esaltante delle ultime stagioni.

"La macchina c'è e i piloti sono gasatissimi - ha detto Marchionne riferendosi a Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen - Credo che il Mondiale sia una cosa dovuta: per i tifosi della Ferrari, la sua storia e chi lavora in azienda. Mondiale entro il 2018? Spero anche prima". Da una speranza all'altra, sulla via che porta a un domani colmo di promesse. "Spero di aiutare a rimettere la Ferrari in carreggiata, ma sono ottimista perché credo che il peggio sia passato". Il campionato 2015 parte dalla sfida quasi impossibile con la scuderia che ha dominato l'anno scorso e che nei test di inizio stagione ha lasciato intendere di essere ancora un passo avanti a tutti. "La Mercedes? Non va sottovalutata. L'anno scorso ha fatto qualcosa di grandissimo, si sono preparati per ripeterlo. Noi cercheremo di impedirglielo".

Il prossimo traguardo, quello che pare ragionevolmente alla portata della Ferrari, è l'aggancio con l'ex team di Vettel, sul gradino più alto del podio dal 2009 al 2013. Tuttavia, Marchionne preferisce procedere con cautela. "Saremo alla pari con la Red Bull quando andremo sul circuito, non mi voglio sbilanciare né essere critico. La situazione quando sono arrivato non era buona. I ragazzi, uomini e donne, hanno fatto cose eccezionali e non me lo sarei mai aspettato. Andiamo in pista e poi vediamo. I piloti ci sono, sono veramente gasati, come dice qualcuno... Stanno guidando qualcosa che a loro piace, poi vedremo".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti