Formula 1

F1, Gp del Belgio: anticipazioni, precedenti, libere, quote e orari tv

Sulla pista di Spa si corre la gara numero 11 della stagione. Vettel alla ricerca dell'allungo decisivo, Raikkonen e Alonso pronti a tutto pur di non perdere il treno mondiale. Doppietta Red Bull nelle seconde libere

L'esultanza di Button (McLaren) per la vittoria del Gp del Belgio 2012 (Credits: DIMITAR DILKOFF/AFP/GettyImages)

Amici mai. Non sarebbe possibile tra i due migliori piloti dell'ultima generazione, avversari fuori e dentro la pista, protagonisti assoluti nell'ultimo lustro della Formula 1. Una battaglia aperta e senza esclusione di colpi, la loro. Sempre corretta, ma pure frizzante e avvincente. In linea con la migliore tradizione dei fuoriclasse del volante. Fernando Alonso e Sebastian Vettel arrivano al Gran premio del Belgio con motivazioni e convinzioni diverse. Se lo spagnolo della Ferrari è ancora sul chi va là per il botta e risposta con il presidente Montezemolo ("che regalo di compleanno vorrei? La macchina degli altri", la dichiarazione che ha acceso il fuoco delle polemiche a Maranello e dintorni), il tedesco della Red Bull appare sereno e più che mai determinato a chiudere il discorso mondiale appena possibile. Magari già sulla pista di Spa, l'Università della F1.

Milleduecentottanta chilometri in bici, 96 di corsa, 21 di nuoto, 16 ore di palestra e 30 di simulatore. Ecco la ricetta di Alonso per prepararsi al meglio alla seconda parte della stagione. Altro che vacanze. Lo spagnolo ha pubblicato su Twitter il resoconto dei suoi 20 giorni di passione. Come dire, io ce l'ho messa tutta e sono pronto per fare sul serio. La distanza in classifica da Vettel è di 39 punti, ma la voglia di fare bene è tanta e se la F138 dovesse recuperare i tre decimi che la separano dal missile targato Red Bull, be', tutto sarebbe possibile. Il rapporto con Montezemolo? Mai stato così buono. "Gli sono arrivate cattive informazioni su quello che avevo detto - ha detto Alonso da Spa - ma è tutto chiarito. Era l'occasione in estate per fare rumore e vendere più giornali. Ma lui è un uomo intelligente e sa separare le voci dai fatti". Caso risolto, colpa della stampa.

Raikkonen come compagno di squadra in Ferrari al posto di Massa? E' la voce che gira da qualche giorno tra gli addetti ai lavori della Formula 1. Il pilota finlandese avrebbe interrotto la trattativa con la Red Bull e strizzato l'occhiolino al Cavallino per un ritorno da protagonista dopo l'infelice separazione del 2009. Raikkonen, 34 anni, è ancora oggi un fuoriclasse e lo sta dimostrando alla Lotus con risultati straordinari (27 gare consecutive a punti, superato anche Schumacher). "Non ho mai avuto problemi con nessun compagno - l'opinione di Alonso -. Questa è la grande fortuna di chi corre con me. Non vedo nessun problema. Conta piuttosto avere un'auto veloce, chiunque arrivi". 

Ecco, nessun problema. Nemmeno per Vettel, che stuzzicato sul tema lascia intendere da Spa che Raikkonen dovrebbe pensarci bene prima di dire sì alla Rossa. "Io vado d'accordo con Kimi - ha spiegato Seb di Germania - e sarei contento se trovasse un posto dove è felice. Non so quanto possa essere realistico realistico per lui un ritorno alla Ferrari. E' già stato là, poi è arrivato Fernando ed è finito a fare rally". L'ennesimo scambio di cortesie tra avversari che non se le mandano a dire. Vettel rincara la dose. "La Ferrari al momento è in calo, ma hanno sempre fatto punti. Devo controllarli tutti, ma senza concentrarmi su qualcuno in particolare", le parole del campione del mondo in carica. Nota a margine: dal primo settembre entrerà ufficialmente nei ranghi Ferrari il direttore tecnico James Allison, ex Lotus, Renault e Benetton, uno specialista di aerodinamica applicata alla F1. La sua passione? Gli aerei. Guarda un po', ne va matto anche Adrian Newey, il mago Gandalf di casa Red Bull.

Nelle seconde libere del weekend, doppietta Red Bull con Sebastian Vettel più veloce di tutti e il compagno di squadra Mark Webber subito dietro. Terzo tempo per Romain Grosjean su Lotus, quarto per Felipe Massa, che precede Fernando Alonso, soltanto settimo. Kimi Raikkonen ha fatto registrare il sesto tempo, mentre gioca a nascondino Lewis Hamilton, che ha incassato il dodicesimo miglior tempo della seconda sessione.  

Per bwin, Vettel è l'uomo da battere nelle qualifiche. Al tedesco della Red Bull, viene riconosciuta una quota pole pari a 2,50. Poco più bassa rispetto a quella che verrà pagata a chi deciderà di puntare sul primo posto in griglia di Lewis Hamilton (2,75). Lontanissimi tutti gli altri, a cominciare dall'altra freccia d'argento, Nico Rosberg, fermo a 6,50. Per Webber (10,00), Alonso (20,00) e Raikkonen (25,00), la pole rimarrà un sogno. Almeno secondo bwin. Le cose cambiano per la gara, anche se non nelle posizioni di testa. Vettel è il superfavorito di Spa. Bwin gli riconosce una quota-vittoria pari a 2,60. Per il gradino più alto del podio, sarà lotta aperta con Hamilton (4,00) e Raikkonen (7,50). Alonso è dietro, a 7,50. Come Webber e Rosberg, entrambi a 10,00. 

La classifica piloti dopo 10 gare (prime 10 posizioni)

Vettel, 172 punti; Raikkonen, 134; Alonso, 133; Hamilton, 124; Webber, 105; Rosberg, 84; Massa, 61; Grosjean, 49; Button, 39; Di Resta, 36. 

La classifica costruttori (prime 5 posizioni)

Red Bull, 277 punti; Mercedes, 208; Ferrari, 194; Lotus, 183; Force India, 59.

I precedenti dei primi 5 piloti della classifica sul circuito di Spa

Sebastian Vettel: 1° nel 2011, 2° nel 2012, 3° nel 2009

Kimi Raikkonen: 1° nel 2004, 2005, 2007, 2009, 3° nel 2012

Fernando Alonso: 2° nel 2005, 3° nel 2007

Lewis Hamilton: 1° nel 2010, 3° nel 2008

Mark Webber: 2° nel 2010 e nel 2011

Il Gp del Belgio in tv

Venerdì

Libere alle 10 e alle 14 in diretta su Sky, sintesi alle 22,30 su Rai Sport 1

Sabato

Libere alle 11 in diretta su Sky

Qualifiche alle 14 in diretta su Sky e alle 18 in differita su Rai 2

Domenica

Gara alle 14 in diretta su Sky e alle 21 in differita su Rai 2

© Riproduzione Riservata

Commenti