Formula 1

F1, Gp Monza: numeri e protagonisti

Il resoconto di quanto è successo dal 2002 al 2012, i record della pista, le curiosità della gara più attesa della stagione per chi tifa Ferrari

Nel 2006, l’ultima vittoria di Michael Schumacher in Ferrari sulla pista di Monza (Credits: FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Il Gran premio d’Italia in numeri

Lunghezza della pista: 5.793 Km

Numero di giri: 53 (per complessivi 306 km)

Numero di curve: 10, di cui 4 a sinistra e 6 a destra

Gara valida per il Mondiale F1 dal 1950

Velocità massima: 368 km/h

Giro record: 1’21”046, Barrichello (2004)

Plurivincitori: Michael Schumacher 5 (1996, 1998, 2000, 2003, 2006); Nelson Piquet 4 (1980, 1983, 1986, 1987).

 

Ecco come è andata dal 2002 al 2012

2002

Disputato il 15 settembre, gara del mondiale numero 15 di 17.

Qualifiche: 1° Montoya (Williams), in 1’20”264, 2° M. Schumacher (Ferrari), 3° R. Schumacher (Williams).

Podio: 1° Barrichello (Ferrari), 2° M. Schumacher (Ferrari), 3° Irvine (Jaguar).

Giro più veloce: Barrichello (Ferrari) in 1’23”657.

Note: Montoya e Ralf Schumacher sono costretti al ritiro per problemi tecnici. Massa, allora alla Sauber, viene punito con dieci posizioni di penalità sulla griglia di partenza del successivo Gran premio degli Stati Uniti perché ritenuto responsabile della collisione con De la Rosa (Jaguar). Il brasiliano si ritira al 14° giro. Irvine porta la Jaguar al secondo podio della sua storia.

2003

Disputato il 14 settembre, gara del mondiale numero 14 di 16.

Qualifiche: 1° M.Schumacher (Ferrari), in 1’20”963, 2° Montoya (Williams), 3° Barrichello (Ferrari).

Podio: 1° M. Schumacher (Ferrari), 2° Montoya (Williams), 3° Barrichello (Ferrari).

Giro più veloce: M. Schumacher (Ferrari) in 1’21”832.

Note: Fernando Alonso, allora pilota Renault e vincitore del precedente Gran premio d’Ungheria, parte dall’ultima posizione per un testacoda durante le qualifiche. In gara, tampona al via Verstappen della Minardi, ma riesce comunque a tagliare il traguardo in ottava posizione. Massa lavora quell’anno come collaudatore in Ferrari.

2004

Disputato il 12 settembre, gara del mondiale numero 15 di 18.

Qualifiche: 1° Barrichello (Ferrari), in 1’20”089, 2° Montoya (Williams), 3° M.Schumacher (Ferrari).

Podio: 1° Barrichello (Ferrari), 2° M. Schumacher (Ferrari), 3° Button (Bar).

Giro più veloce: Barrichello (Ferrari) in 1’21”046.

Note: Ferrari grande protagonista a Monza e nel Mondiale piloti e costruttori. Al termine del Gp d’Italia, Schumacher (punti 136) e Barrichello (98) occupano le prime due posizioni della classifica. Massa (Sauber) taglia il traguardo al 12° posto. Alonso (Renault) si ritira al 40° giro per un’uscita di pista.

2005

Disputato il 4 settembre, gara del mondiale numero 15 di 19.

Qualifiche: 1° Raikkonen (McLaren), in 1’20”878, 2° Montoya (McLaren), 3° Alonso (Renault).

Podio: 1° Montoya (McLaren), 2° Alonso (Reanult), 3° Fisichella (Renault).

Giro più veloce: Raikkonen (McLaren) in 1’21”504.

Note: Raikkonen viene penalizzato di dieci posizioni sulla griglia di partenza per aver sostituito il motore della sua McLaren. Male le due Ferrari. Schumacher arriva 10°, Barrichello 12°. Massa (Sauber) chiude invece al nono posto.

2006

Disputato il 10 settembre, gara del mondiale numero 15 di 18.

Qualifiche: 1° Raikkonen (McLaren), in 1’21”484, 2° Schumacher (Ferrari), 3° Heidfeld (Bmw).

Podio: 1° M. Schumacher (Ferrari), 2° Raikkonen (McLaren), 3° Kubica (Bmw).

Giro più veloce: Raikkonen (McLaren) in 1’22”599.

Note: Fernando Alonso (Renault) parte decimo e non arriva al traguardo a causa di un guasto al motore che lo costringe al ritiro al giro 43. Massa, alla prima stagione da “secondo” di Schumacher, parte quarto e arriva nono. E’ l’anno dell’avvincente lotta per il titolo tra Alonso e Schumacher. La spunterà il pilota spagnolo, che incasserà il secondo Mondiale della sua carriera.

2007

Disputato il 9 settembre, gara del mondiale numero 13 di 17.

Qualifiche: 1° Alonso (McLaren), in 1’21”997, 2° Hamilton (McLaren), 3° Massa (Ferrari).

Podio: 1° Alonso (McLaren), 2° Hamilton (McLaren), 3° Raikkonen (Ferrari).

Giro più veloce: Alonso (McLaren) in 1’22”810.

Note: Massa si ritira al 3° giro per un problema meccanico. Alonso è leader della corsa dalla prima all’ultima curva. E’ l’anno della McLaren, che ritorna grande protagonista, ma soprattutto di Kimi Raikkonen, che vince il titolo in rimonta su Hamilton con tre primi posti nelle ultime quattro gare.

2008

Disputato il 14 settembre, gara del mondiale numero 14 di 18.

Qualifiche: 1° Vettel (Toro Rosso), in 1’37”555, 2° Kovalainen (McLaren), 3° Webber (Red Bull).

Podio: 1° Vettel (Toro Rosso), 2° Kovalainen (McLaren), 3° Kubica (Bmw).

Giro più veloce: Raikkonen (Ferrari) in 1’28”047.

Note: Hamilton, leader del Mondiale, parte in quindicesima posizione dopo una qualifica tutt’altro che esaltante. In gara, sotto una pioggia battente, riuscirà a recuperare posizioni su posizioni fino ad arrivare 7°. Male in qualifica anche Raikkonen, che non va oltre il 14° posto. Mentre Massa parte 6° e arriva 6°. Vettel diventa il più giovane pilota di sempre a vincere un gran premio in F1. Per giunta, con la piccola scuderia Toro Rosso, che ha raccolto l’eredità dell’italianissima Minardi. Alonso è quarto.

2009

Disputato il 13 settembre, gara del mondiale numero 13 di 17.

Qualifiche: 1° Hamilton (McLaren), in 1’24”066, 2° Sutil (Force India), 3° Raikkonen (Ferrari).

Podio: 1° Barrichello (Brawn), 2° Button (Brawn), 3° Raikkonen (Ferrari).

Giro più veloce: Sutil (Force India) in 1’24”739.

Note: prima del gran premio, la Ferrari comunica alla Fia la sostituzione di Luca Badoer - che a sua volta aveva preso il posto del convalescente Massa - con Giancarlo Fisichella, allora 36enne, che viene lasciato libero dalla Force India. Brawn superstar della domenica di Monza, con Barrichello (alla terza vittoria al Gp d’Italia) e Button grandi protagonisti in gara. Hamilton fuori al penultimo giro per incidente. Alonso (Renault) arriva quinto e Fisichella nono.

2010

Disputato il 12 settembre, gara del mondiale numero 14 di 19.

Qualifiche: 1° Alonso (Ferrari), in 1’21”962, 2° Button (McLaren), 3° Massa (Ferrari).

Podio: 1° Alonso (Ferrari), 2° Button (McLaren), 3° Massa (Ferrari).

Giro più veloce: Alonso (Ferrari) in 1’24”139.

Note: Alonso taglia il traguardo delle 20 pole in carriera e centra la sua seconda vittoria sul circuito di Monza.

2011

Disputato il 11 settembre, gara del mondiale numero 13 di 19.

Qualifiche: 1° Vettel (Red Bull), in 1’22”275, 2° Hamilton (McLaren), 3° Button (McLaren).

Podio: 1° Vettel (Red Bull), 2° Button (McLaren), 3° Alonso (Ferrari).

Giro più veloce: Hamilton (McLaren) in 1’26”187.

Note: il gran premio è tra gli eventi collegati al 150° dell’Unità d’Italia. Alonso riesce a salire sul podio (il 70° per lui) dopo essere partito dalla quarta posizione. Vettel vince per la 18° volta in F1 e porta a 112 punti il vantaggio in classifica piloti su Alonso.

2012

Disputato il 9 settembre, gara del mondiale numero 13 di 20.

Qualifiche: 1° Hamilton (McLaren), in 1’24”010, 2° Button (McLaren), 3° Massa (Ferrari).

Podio: 1° Hamilton (McLaren), 2° Perez (Sauber), 3° Alonso (Ferrari).

Giro più veloce: Rosberg (Mercedes) in 1’27”239.

Note: è il primo Gran premio d’Italia dal 1969 a non vedere al via piloti italiani. A causa dell’incidente di cui è stato vittima e protagonista nel precedente Gp del Belgio, Romain Grosjean della Lotus viene escluso dalla gara. Il suo posto verrà preso da Jerome D’Ambrosio. Alonso parte decimo a causa di un problema meccanico durante la Q3 e arriva davanti al compagno di squadra Massa, partito terzo. Per il pilota spagnolo della Ferrari sembra essere l’anno giusto. Al termine della gara, il suo vantaggio su Hamilton è di 37 punti e su Raikkonen 38. Vettel (fuori a Monza per un guaio all’alternatore della Red Bull) è a meno 39, ma nelle ultime sette gare (4 vittorie) riuscirà a fare suo il terzo titolo consecutivo.

© Riproduzione Riservata

Commenti