Formula 1

F1, Gp Austria: anticipazioni, quote, orari e precedenti

Dopo 11 anni, tornano a ruggire i motori della Formula 1 sulla pista di Zeltweg. Favorita numero uno, la Mercedes della coppia d'oro Rosberg-Hamilton. Ferrari e Red Bull alla finestra

Raikkonen e Alonso firmano autografi nel paddock della pista di Zeltweg – Credits: EPA/HERBERT NEUBAUER

Era dal 2003 che l'Austria non ospitava una prova del campionato mondiale. Le ultime due edizioni si colorarono di rosso Ferrari grazie ai trionfi di Michael Schumacher, che allora faceva la voce grossa sulla pista e che da qualche giorno è tornato a lottare per la vita in una clinica a due passi da casa. La Red Bull, intesa come team di Formula 1, non esisteva ancora. E' nata ufficialmente nel 2004 grazie al portafogli di Dietrich Mateschitz, che a stretto giro di posta ha deciso di regalare alla sua nuova creatura proprio l'A1-Ring, il circuito che da stamane torna a respirare i fumi di scarico della F1.

E' una pista velocissima, adatta e pure di più all'irruenza dei motori Mercedes, che tanto per cambiare in Austria dovrebbero dettare legge. A meno di intoppi in stile Canada, Rosberg ed Hamilton sono infatti destinati a darsi battaglia dal primo all'ultimo giro. A cominciare dalle qualifiche, che fin qui le Frecce d'argento hanno dominato in lungo e in largo. La Ferrari? Non sarà bellissima perché non sono sufficienti 15 giorni per modellare una macchina che soffre di limiti strutturali piuttosto ingombranti. Il Cavallino ha portato in Austria alcune innovazioni tecniche (power unit riveduta e corretta) che potrebbero aiutare la coppia Alonso-Raikkonen a colmare almeno in parte la distanza con la Mercedes, ma finché non si fa sul serio vince il sospetto che nulla sia davvero cambiato.

“Il tracciato è molto corto, con sole 5-6 curve, per cui i tempi saranno ravvicinati e anche 2 decimi significheranno tante posizioni in prova: bisognerà fare un giro perfetto” è la convinzione della vigilia di Alonso, che si accompagna a quella del suo compagno di squadra, decisamente ottimista rispetto alle ultime tornate: “Penso che andremo meglio che a Montreal, sono contento di tornare a Zeltweg dove i sorpassi sono possibili”. E mentre il presidente della Ferrari, Luca di Montezemolo, ribadisce la ferma intenzione di battere i pugni sul tavolo per chiedere “miglioramenti a beneficio dei tifosi, dei media e degli sponsor”, da Londra arrivano le proposte, tutte da definire e approvare il 30 giugno, che non promettono rivoluzioni ma piccoli eppure determinanti cambiamenti. Una su tutte, la partenza da fermo dopo l'uscita della safety car.

I numeri del Gp dell'Austria

Gara numero 8 di 19

Nome circuito: Red Bull Ring

Prima gara disputata nel 1964

Numero di giri: 71

Lunghezza del circuito: 4,326 Km

Distanza complessiva: 307,020 Km

Miglior tempo: 1’08”337 – M. Schumacher (2003)

I precedenti

Pole, podi e risultati Ferrari nelle ultime quattro edizioni. La gara mancava dal calendario Mondiale da 11 anni

2003 – Pole: M.Schumacher (Ferrari). Podio: 1° M.Schumacher (Ferrari), 2° Raikkonen (McLaren), 3° Barrichello (Ferrari). Giro più veloce: M.Schumacher (Ferrari).

2002 – Pole: Barrichello (Ferrari). Podio: 1° M.Schumacher (Ferrari), 2° Barrichello (Ferrari), 3° Montoya (Williams). Giro più veloce: M.Schumacher (Ferrari).

2001 – Pole: M.Schumacher (Ferrari). Podio: 1° Coulthard (McLaren), 2° M.Schumacher (Ferrari), 3° Barrichello (Ferrari). Giro più veloce: Coulthard (McLaren).

2000 – Pole: Hakkinen (McLaren). Podio: 1° Hakkinen (McLaren), 2° Coulthard (McLaren), 3° Barrichello (Ferrari). Giro più veloce: Coulthard (McLaren). Michael Schumacher uscì prima di completare il primo giro a causa della collisione con Zonta e Trulli.

La classifica piloti prima del Gp dell'Austria
(prime 10 posizioni)

1° Rosberg (Mercedes), 140 punti; 2° Hamilton (Mercedes), 118; 3° Ricciardo (Red Bull), 79; 4° Alonso (Ferrari), 69; 5° Vettel (Red Bull), 60; 6° Hulkenberg (Force India), 57; 7° Button (McLaren), 43; 8° Bottas (Williams), 40; 9° Magnussen (McLaren), 23; 10° Perez (Force India), 20.

La classifica costruttori prima del Gp dell'Austria
(prime 5 posizioni)

1° Mercedes, 258 punti; 2° Red Bull, 139; 3° Ferrari, 87; 4° Force India, 77; 5° McLaren, 66.

Le quote bwin

Nessun dubbio. La vittoria del Gran premio d'Austria sarà ancora una questione privata tra Rosberg ed Hamilton, lo dicono le quote proposte da bwin. Favorito numero uno per la gara, il pilota inglese (1.75), che precede il compagno di squadra in Mercedes non di poco (2.75). Dovesse accadere l'imprevedibile, ecco pronte le Red Bull di Vettel (10.00) e Ricciardo (15.00). Le Ferrari arrivano dopo. Ad Alonso viene assegnata una quota stellare (25.00), a Raikkonen un buffetto sulla guancia (70.00). Nel mezzo, l'ex cavallino rampante Felipe Massa (65.00), che al volante della Williams sta dimostrando di sapere il fatto suo.

Gerarchie rispettate per la caccia alla pole position. Hamilton (1.67) guida il gruppone davanti a Rosberg (2.80), Vettel (15.00), Ricciardo (20.00) e Alonso (25.00). Bottas e Massa procedono a braccetto (50.00), mentre Raikkonen (75.00) e Hulkenberg (100.00) stanno a guardare.

Gli orari tv

Venerdì

Ore 10: prove libere 1, diretta Sky Sport F1 e Rai Sport 2

Ore 14: prove libere 2, diretta Sky Sport F1 e Rai Sport 2

Sabato

Ore 11: prove libere 3, diretta Sky Sport F1 e Rai Sport 2

Ore 14: qualifiche, diretta Sky Sport F1 e Rai 2

Domenica

Ore 14: gara, diretta Sky Sport F1 e Rai 1

Twitter: @dario_pelizzari

© Riproduzione Riservata

Commenti