Effetto calcioscommesse, nel 2012 puntate giù del 5%

Nel 2012 le scommesse sul calcio hanno raccolto 3,43 miliardi di euro, pari all’87,1% del totale (3,91 miliardi): una percentuale scesa del 5% rispetto al 2008, quando le puntate sportive sul pallone totalizzavano il 92,2% della raccolta.Sul dato, …Leggi tutto

Nel 2012 le scommesse sul calcio hanno raccolto 3,43 miliardi di euro, pari all’87,1% del totale (3,91 miliardi): una percentuale scesa del 5% rispetto al 2008, quando le puntate sportive sul pallone totalizzavano il 92,2% della raccolta.Sul dato, come spiega la società specializzata Agipronews, probabilmente hanno pesato le inchieste legate al calcioscommesse, che nell’ultimo biennio hanno interessato tutti i principali campionati ma anche la concomitanza con le Olimpiadi di Londra, che hanno contribuito a spostare l’attenzione degli sportivi verso altre discipline spesso trascurate.

Fernando Torres e Andrea Barzagli durante la finale di Euro2012 (credits: Martin Rose/Getty Images)

Fernando Torres e Andrea Barzagli durante la finale di Euro2012 (credits: Martin Rose/Getty Images)

Per quanto riguarda il calcio, è la finale degli Europei 2012 tra Spagna e Italia l’evento più giocato nello scorso anno (12,6 milioni di euro di raccolta complessiva). Nella top ten complilata dai Monopoli di Stato finiscono anche Germania-Italia (8,9 milioni) e Inghilterra-Italia (poco più di 7 milioni). Al quarto e quinto posto la partita tra Italia e Croazia (6,8 milioni) e quella tra Portogallo e Spagna (5,9 milioni). Al sesto posto la finale di Champions’ League tra Bayern Monaco e Chelsea (5,5 milioni). Unica partita di Serie A presente nella classifica è il derby di andata di questa stagione tra Milan e Inter (5,2  milioni). Il maggior calo di interesse per le manifestazioni nazionali è invece relativo alla LegaPro, l’ex serie C, passata da una raccolta di 180 milioni nel 2008 ai 130 del 2012.

Alle spalle del calcio, tra gli sport più giocati, il tennis con 203,7 milioni di euro, pari al 5,1% della raccolta totale, seguito dal basket con 169 milioni (4,3%). Chiudono la top five il volley con 51 milioni (1,3%) e l’hockey sul ghiaccio (0,43%) a 16,9 milioni e l’automobilismo (0,42% a 16,7 milioni). La ripartizione della raccolta per sport nel 2012 evidenzia la presenza di tutti gli sport olimpici estivi e di molti sport olimpici invernali, in primis lo sci.

A confermare le fatiche della rete fisica di centri scommesse, ormai forse sovradimensionata, è il dato sulle puntate on line: nel 2012, infatti, oltre un terzo delle giocate (1,2 miliardi) è arrivato dal web, con una crescita del 9,7% sul 2011. Anche se, come hanno spiegato i Monopoli in una nota,  «le informazioni che arrivano dagli uffici periferici dell’Amministrazione evidenziano ancora oggi situazioni di raccolta di gioco che solo formalmente sono definibili a distanza ma sostanzialmente sono su rete fisica», come ad esempio le scommesse in punti di commercializzazione che – invece di limitarsi ad aprire conti gioco o a effettuare ricariche sugli stessi, come previsto dalla legge – accettano e pagano giocate in contanti.

Come riporta ancora Agipronews, sono in crescita anche le scommesse “live”, le puntate piazzate su avvenimenti in corso di svolgimento: per questa tipologia di gioco la raccolta è stata di quasi 500 milioni di euro (di cui oltre 300 sono stati puntati via internet) con un aumento di oltre il 43% rispetto al 2011. In modalità “live” è stato aperto il gioco su 5.323 avvenimenti con una crescita pari al 54% rispetto al 2011. Il calcio rappresenta il 68% del mercato live. Seguono il tennis e, notevolmente distanziati, il volley ed il basket.

© Riproduzione Riservata

Commenti