Calcio inglese, diritti tv, basket: le novità di sport e business della settimana

Calcio inglese/1. La Federcalcio inglese, il trust che gestisce lo stadio di Wembley ed EE, la principoale azienda britannica di digital media, hanno lanciato una app che permette visite virtuali all’interno dell’impianto. La nuova applicazione è il primo step di …Leggi tutto

PANORAMAGAVAZZI_20140303114612504.jpg

epa04106338 Manchester City players celebrate winning the Capital One Cup final against Sunderland at the Wembley Stadium in London, Britain, 02 March 2014. EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA DataCo terms and conditions apply http://www.epa.eu/files/Terms%20and%20Conditions/DataCo_Terms_and_Conditions.pdf

Calcio inglese/1. La Federcalcio inglese, il trust che gestisce lo stadio di Wembley ed EE, la principoale azienda britannica di digital media, hanno lanciato una app che permette visite virtuali all’interno dell’impianto. La nuova applicazione è il primo step di un accordo di collaborazione che durerà sino al 2020 e che prevede l’introduzione entro il mese di settembre di un sistema di mobile ticketing e di una guida turistica. EE è al lavoro su scenari simili anche per quanto riguarda alcuni stadi di Premier League.

La premiazione del Manchester City a Wembley dopo la finale di Leage Cup di ieri (credits: Facundo Arrizabalaga/Epa/Ansa)

Calcio inglese/2. In queste ore tiene banco sui siti specializzati la vicenda di  Dexter Blackstock. Blackstock, calciatore del Nottingham Forest, ha subito nel 2010 un grave infortunio destinato a tenerlo fuori dai campi per quasi quattro anni (dovrebbe rientrare alla fine di questa stagione) a causa di un’entrata dura del centrocampista nigeriano Seyi Olofinjana, allora in forza allo Swansea. Blackstock, d’accordo con il suo club, ha deciso di citare per danni Olofinjana e lo Swansea bypassando la clausola di reciproco risarcimento extragiusiziale tra i club e una corte ha giudicato ammissibile il ricorso perché il fallo potrebbe non essere riconducibile a normali, e casuali, dinamiche di gioco ma gravato dalla cognizione di poter arrecare un danno serio. A interessare gli addetti ai lavori non è tanto l’entità del risarcimento richiesto (50 mila sterline, pari a circa 68 mila euro) ma, come spiega Adam Lovett sul suo blog Law in Sport, la possibilità che un eventuale riconoscimento di colpevolezza crei un precedente. A quel punto le cause giudiziarie non si conterebbero più e anche le squadre e i broker assicurativi specializzati potrebbero essere costretti a rivedere i loro accordi milionari.

Basket. I dati resi noti oggi dalla Fib (e pubblicati dal portale Sbm) danno ragione a chi quest’anno ipotizzava per la pallacanestro nostrana una performance in controtendenza: nella prima parte della stagione le partite di serie A1 hanno fatto registrare una media spettatori in aumento dello 0,4% rispetto alla scorso campionato. La media degli incassi è stata di 39.718 euro e ben 12 squadre su 16 (in testa EA7 Emporio Armani Milano, Granarolo Bologna e Banco di Sardegna) hanno realizzato un’affluenza media superiore alle 3 mila unità. Al trend in crescita non corrisponde però, secondo molti addetti ai lavori, un’attenzione adeguata da parte dei media. Per questo i rappresentanti delle squadre professionistiche hanno lanciato la campagna #piùbasketinrai, con tanto di petizione attraverso la quale chiedono che venga dato un adeguato rilievo al mondo della palla arancio nelle trasmissioni sportive generaliste, alla radio e sui canali satellitari sportivi della tv di Stato.

Diritti tv/1. A SportMediaset non hanno gradito particolarmente gli spot martellanti con i quali Sky sta lanciando la trasmissione in esclusiva della MotoGp. La frase incriminata? «Finalmente ve lo raccontiamo bene». Dopo anni di dirette e decine di milioni spesi per coprire gli eventi, nei corridoi di Cologno Monzese l’uscita della pay tv di Rupert Murdoch è apparsa quantomeno inelegante. Intanto sul fronte Superbike Eurosport si è aggiudicata i diritti di trasmissione dei prossimi due mondiali.

Diritti tv/2. Bike Channel, canale della piattaforma Sky nato nel 2013 e interamente dedicato al ciclismo, si è aggiudicato dall’Uci i diritti esclusivi di trasmissione delle due corse svizzere di preparazione a Giro d’Italia e Tour de France: dal 29 aprile al 4 maggio manderà in onda il Tour de Romandie e dal 14 al 22 giugno il Giro di Svizzera. L’entità economica dell’accordo non è stata comunicata, ma l’emittente si è aggiudicata oltre ai diritti pay, anche quelli mobile e free. Possibile dunque la cessione a terzi (RaiSport potrebbe essere interessata) o la diretta streaming.

Diritti tv/3. Pioggia di nuovi contratti per il Liverpool, che nel corso del weekend ha comunicato di aver siglato accordi con nove broadcaster per la diffusione di clip di sintesi delle partite, allenamenti, interviste e quant’altro compreso all’interno dei pacchetti tematici della tv ufficiale LFCTV e del proprio sito web. I partner (in alcuni casi si tratta di rinnovi) sono BeIN Sport in Hong Kong, Medio Oriente e  Francia; KompassTv in Indonesia; Sony in India; Sommet in Nuova Zelanda; TV2 in Norvegia; Arena TV nei Balcani; Andare TV a Malta; 365 Media in Islanda. La durata e i dettagli finanziari degli accordi non sono stati resi noti.

© Riproduzione Riservata

Commenti