Sport

Kakà - Milan, Galliani martedì a Madrid

L'ad ammette la trattativa: "Se siamo bravi vado in Spagna a chiudere" - Il sondaggio

Kakà al Milan in una foto del 2004 (Credits: Ansa)

LA DIRETTA:

Ore 15.00 - GALLIANI A MADRID MARTEDI - L'amministratore delegato del Milan martedì sarà nella capitale spagnola per un incotro decisivo con i dirigenti del Real Madrid. "Se si riesce ad essere bravi, fantasiosi e pronti ai sacrifici, si farà. Stiamo ragionando sulla formula. C'è un muro per lo stipendio ma l'amore per Ricky non era mai finito. Balotelli? No, non arriverà nessun altro..."

Ore 13,00 - I PRIMI CONTATTI LA SCORSA ESTATE - Secondo il quotidiano spagnolo As la trattativa tra Kakà e il Milan è iniziata già la scorsa estate in un incontro tenuto dai dirigenti rossoneri a New York e coordinato dal presidente del Milan Silvio Berlusconi, primo sponsor per il ritorno a Milano del brasiliano.

Ore 11,30 - OBIETTIVO COMUNE - Secondo Galliani: "C'è la volontà del Real, del Milan e di Kakà di concludere l'operazione. Ma non è facile perché esiste un muro economico non da poco. Servono soluzioni fantasiose, c'è molta difficoltà"

Ore 11 GALLIANI UFFICIALIZZA LA TRATTATIVA - Intercettato all'ingresso in Lega Adriano Galliani ha ammesso la trattativa per Kakà: "Ci stiamo lavorando, l'operazione non è facile ma abbiamo intenzione di provarci fino alla fine".

Ore 9,20 TENTATIVI FINO AL 31 GENNAIO - Dalla Spagna rimbalzano i vincoli che il Real Madrid chiede per cedere il giocatore. 25 milioni di euro cash e nessun prestito biennale nella forma con cui Sahin è tornato al Borussia Dortmund. Secondo gli spagnoli l'entourage del giocatore e quello del Milan proveranno a convincere Florentino Perez fino al 31 gennaio, ultimo giorno di mercato.  

Ore 8,00  IL NO DEL REAL MADRID - Dopo il forte ottimismo registrato ieri in serata la trattativa per il ritorno di Kakà al Milan sembra essersi arenata. Questa mattina il quotidiano sportivo As tratta l'argomento in prima pagina parlando del rifiuto dei blancosa che non hanno accettato le condizioni del Milan.

Ore 18,30  LA SVOLTA, FIRMA VICINA - Tra questa sera e domani Kakà potrebbe tornare ad essere un giocatore del Milan. Stando alle ultime indiscrezioni il Milan avrebbe raggiunto l'accordo con il Real Madrid per il ritorno a Milano del brasiliano sulla base del prestito. Decisivo sarebbe stato il ruolo di Ernesto Bronzetti, mediatore di mercato.

Ore 17,20 IL PROBLEMA DELLA SCADENZA - A sfavore della formula proposta dal Milan, il prestito biennale, c'è anche la scadenza del contratto di Kakà, prevista per il 2015. Le merengues rischierebbero di perderlo a parametro zero arrivando al braccio di ferro nel 2014, per questo motivo nonostante i buoni rapporti tra i due club Florentino Perez punta a cederlo a titolo definitivo e i club brasiliani sembrano in vantaggio per questo tipo di operazione.

Ore 16,30 FRENATA DEL MILAN - Nonostante l'intervento del presidente Berlusconi la trattativa per Kakà sembra aver subito una brusca frenata. I 10 milioni netti di ingaggio costano al Real Madrid 12,9 con la tassazione spagnola, in Italia diventerebbero 19. Il patron rossonero ha cercato di convincere Florentino Perez ad accollarsi il 75% dell'ingaggio con una promessa di acquisto per giugno. Come ribadito da As a queste condizioni non si chiude.

Ore 16:05 L'INSERIMENTO DEL FLUMINENSE - Secondo il giornalista Perrout Cláudio di O Globo su Kakà ha messo gli occhi anche il Fluminense che ha intavolato una trattativa con il Real Madrid forte della maggiore disponibilità economica rispetto al Milan.

Ore 15:00  L’OSTACOLO E’ LA FORMULA DEL PRESTITO - La difficoltà maggiore tra Milan e Real Madrid è sulla formula dell’accordo. Il Real non accetta il prestito se non con vincolo fortissimo per il riscatto; teme di riavere il giocatore a giugno e a quel punto di essere obbligato ad applicare al giocatore la nuova fiscalità fino al 2015 (oltre il 50% in tasse) e non più il 24% della Ley Beckham. Significherebbe un esborso di oltre 9 milioni di euro in due stagioni ritenuto inaccettabile dalla dirigenza. Il Milan può superare questo ostacolo solo garantendo il riscatto a fine campionato. La cifra si aggirerebbe intorno ai 10 milioni di euro, sufficienti al Real per evitare una forte minusvalenza in bilancio.

Ore 13:45  ANCHE MILAN CHANNEL PARLA DI KAKA’ - Anche il canale tematico Milan Channel si dice ottimista sulla possibilità di veder tornare in rossonero Kakà. Conferme che le due società stanno trattando.

Ore 13:00  VERTICE CON GLI AGENTI DI KAKA’ - Dario e Gaetano Paolillo, agenti che hanno la delega per Kakà, sono stati per qualche minuto negli uffici di via Turati e ora vanno a pranzo con Ariedo Braida. Possibile ci sia anche Galliani?

Ore 11:00  ALLEGRI: “NO A BECKHAM” - Lungo incontro di mercato tra Allegri e Galliani in via Turati. Si è parlato dell’ipotesi del ritorno di Beckham che il tecnico non vorrebbe. Per la società si tratterebbe di una mossa a costo zero (prestito) per 5 mesi con importanti ricadute di marketing. Non risulta si sia parlato di Kakà.

LA TRATTATIVA:

Kakà è ad un passo dal ritorno al Milan. Trattativa improvvisa, dettata dal presidente Berlusconi che ha contattato in prima persona Florentino Perez nel tentativo di trovare un accordo che adesso sembra imminente. Il brasiliano, che ha ricevuto anche un'offerta dal Galatasaray come alternativa a Sneijder, "Per me è una situazione delicata. Se Real e Milan si mettono d'accordo sono pronto a un sacrificio per tornare a Milano" sarebbero queste le parole del brasiliano a cena ieri con Robinho nel locale milanese Fingers Garden di proprietà di Seedorf. Galliani raffredda gli entusiasmi: "Kakà ha un ingaggio troppo alto, la trattativa è impossibile". L'ennesimo messaggio d'amore nei confronti del Milan hanno però deciso il patron rossonero a scendere in campo, questa volta non in politica ma per trovare un accordo con le merengues.

© Riproduzione Riservata

Commenti