Sport

Diego Forlan eletto calciobidone 2012, ecco i primi dieci

L'ex interista, miglior giocatore al mondiale 2012, è stato eletto come bidone 2012 dai lettori del sito calciobidoni.it. Secondo Pato, terzo Elia

 

Pochi hanno davvero deluso come lui dopo aver raggiunto un apice stracolmo di successi. E’ per questo che a vincere il Calciobidone 2012titolo a cura di Calciobidoni.it – è stato Diego Forlan, scelto dal 17% dei complessivi 6.612 votanti, seguito a debita distanza da due altri grandi flop stagionali: il milanista Pato (11,2%) e lo juventino Elia (9,5%).  In effetti, se il nome dell’olandese è stato parecchio chiacchierato  (in negativo) soprattutto tra i tifosi bianconeri, per il brasiliano e  l’uruguagio si è trattato di un plebiscito ben più eterogeneo, visto che  l’ultima stagione li ha visti paurosamente regredire a passo di  gambero. Per il Cacha Forlan, invece, troppe sono state le aspettative riposte, dovute al suo recente pàlmares,  denso di successi e di riconoscimenti personali: trascinò infatti a  suon di gol il suo Uruguay ad un passo dalla finale mondiale del 2010,  guadagnandosi il titolo di miglior giocatore della competizione. Titolo  suggellato poi un anno più tardi, quando alzò al cielo di Buenos Aires  la Coppa America. Poteva sembrare un degno sostituto di Eto’o, e invece  non è mai riuscito a trovare la giusta posizione in campo, segnando la  miseria di due reti arenandosi inesorabilmente nell’Inter di Ranieri  come la chiglia della Costa Concordia del Comandante Schettino.

La “Top Ten” del Calciobidone edizione 2012 prosegue con Zarate,  scommessa persa da Lotito e Moratti prima, da Petkovic poi e quindi  degno erede di cotanto fratello (ricordate il capelluto Sergio  all’Ancona?), il napoletano Edu Vargas, un pessimo surrogato di Lavezzi, poi ancora Cissè, in astinenza da gol alla Lazio, lo juventino Krasic, ottimo con Delneri, impalpabile con Conte, un ectoplasmico Traorè in rossonero, il “solito” Alvarez – da tempo eletto successore di Quaresma – e si conclude con lo sciagurato Josè Angel. Come Calciobidone Jolly, la segnalazione inedita del pubblico, prevale invece il brasiliano Lucio,  in ombra lo scorso anno all’Inter e decisamente evanescente alla  Juventus, tant’è che non arriva a mangiare il Panettone: contratto  rescisso prima di Natale. Secondo posto per un altro bianconero, il  danese Bendtner, finora poco concreto seppur con  l’attenuante di non aver avuto molte occasioni, mentre come terza scelta  spunta (non a sorpresa) uno dei candidati ufficiali della votazione  dello scorso anno: il centravanti Santiago Silva detto El Tanque, un gol (su rigore) in viola. Appena dietro Jonathan dell'Inter, che era partito a razzo per poi farsi superare anche nella  classifica dei peggiori: una beffa, se vogliamo. Può sorridere, invece,  uno dei fanalini di coda questa edizione, il giapponese Morimoto, che proprio oggi saluta la panchina di Catania per abbracciare il denaro sonante dell'Al Nasr guidato da Zenga.

L’Albo d’Oro di questo non certo ambito premio vede quindi proseguire la serie  sciagurata degli ex nerazzurri: dopo il “doppio” Quaresma, lo scorso  anno s’impose un gordo Adriano alla Roma (ma dal passato interista); adesso è stato il turno di Forlan. Alla Pinetina, dopo i  successi del duo Mancini-Mourinho, sembra esser tornato a soffiare il  vento della tempesta.

© Riproduzione Riservata

Commenti