Sport

10 consigli per chi vuole ricominciare a correre

Orlando Pizzolato ci spiega le cose da fare e gli errori da evitare per rimetterti in forma con il running

I contenuti di questo post sono stati prodotti in autonomia dall’autore che appare nella sezione autore prima dell'inizio del testo, i contenuti di questo post possono essere associati a un brand promozionale tramite la dicitura “sponsorizzato da” oppure “offerto da” con il logo dello sponsor ben visibile.

Orlando Pizzolato di corsa in un parco

Le giornate si allungano, le temperature si alzano e con la primavera torna la voglia di rimettersi in forma. Il modo più immediato ed economico per fare movimento è senza dubbio la corsa: basta allacciare un paio di scarpe sportive e scendere in strada. Ma attenzione: agli indubbi vantaggi salutistici, come il miglioramento della condizione cardiocircolatoria e la perdita di peso, si accompagnano altrettanti rischi, legati soprattutto ai traumi e alle eccessive sollecitazioni.

"I primi segnali fisici saranno sicuramente negativi" spiega Orlando Pizzolato , due volte vincitore della maratona di New York e ora consulente di numerosissimi runner. All'inizio correre non è divertente come fare una partita a tennis, "ma i miglioramenti sono molto veloci e la corsa ha il vantaggio che in poco tempo permette di dare una buona sollecitazione al fisico" spiega ancora l'autore di "Correre secondo Orlando Pizzolato ", a cui abbiamo chiesto i dieci consigli per ricominciare a correre.
 
Le 5 cose da fare

1 - Se sono mesi che non ti alleni, comincia alternando il passo alla corsa, di modo che il 'fiatone' non sia mai eccessivo. Per esempio puoi correre per circa 5' e camminare per 2', così il sistema cardiocircolatorio riprende il suo equilibrio e puoi aumentare progressivamente la durata delle uscite. In circa 10 sedute sarai in grado di correre senza fermarti anche per mezzora.

2 - Alterna i carichi, facendo un giorno di corsa e uno di riposo, così dai tempo al tuo corpo di recuperare dallo sforzo e adattarsi senza eccessivi traumi muscolari e articolari.

3 - 'Ascolta' il tuo corpo. Il giorno dopo aver corso sentirai inevitabilmente mal di gambe e alle articolazioni: se passano nel giro di 24 ore, o si spostano da un punto all'altro delle tue gambe, sono fisiologici dolori di adattamento, e non è il caso di fermarti. Se invece provi un fastidio che permane per più giorni, è il segnale che stai sovraccaricando il tuo fisico ed è il caso di fare qualcosa di meno traumatizzante.

4 - Fai un po' di esercizi muscolari. Per rinforzare i muscoli delle gambe bastano anche dei piegamenti in accosciata e delle spinte sulle punte dei piedi. Muscoli tonici assorbono il carico del tuo peso e impediscono che si trasferisca sui tendini provocando infiammazioni. Inoltre, prima di correre fai qualche esercizio di mobilità articolare per le anche, la schiena e le caviglie, e fai stretching a fine allenamento, quando i muscoli sono caldi per essere allungati senza traumi.

5 - Scegli le scarpe giuste. Marca e colore decidili tu, ma chiedi a un negoziante specializzato calzature A3, con la suola ammortizzata ideali per chi comincia a correre e non insegue le prestazioni. E se sei sovrappeso puoi chiedere le A4, più stabili e protettive e pensate per chi ha una corporatura massiccia.
 
I 5 errori da non commettere

1 - Non sopravvalutarti. Correre implica comunque un certo impegno cardiocircolatorio e muscolare, e se nei mesi invernali non hai fatto attività i tuoi muscoli avranno perso tono e forza, risultando più a rischio di infortuni. Per le prime uscite può bastare anche il giro dell'isolato, senza mai giungere al limite dello sforzo.

2 - Non correre sull'asfalto. Anche se durante l'inverno ti sei tenuto in forma sul treadmill, l'asfalto è molto più duro e ammortizza meno del tapis roulant, e le tue articolazioni potrebbero risentire di queste sollecitazioni. Corri su un prato o sullo sterrato di un parco cittadino, lasciando al tuo corpo il tempo di adattarsi agli impatti della corsa.

3 - Non affrontare salite e discese. Per i muscoli e le articolazioni, soprattutto schiena e ginocchia, le variazioni di pendenza sono uno stress notevole. Prima di affrontare qualche pendenza aspetta circa un mese, quando dovresti essere in grado di correre per circa un'ora senza fermarti.

4 - Non abbuffarti di cibo. Digerire e correre necessitano di sangue, e il tuo corpo non è in grado di fare le due cose contemporaneamente, con il rischio di correre male o vomitare. Se corri al mattino appena sveglio ti basta un caffè, visto che l'energia l'hai incamerata la sera prima con la cena. Se invece corri la sera attendi che siano passate almeno 3 ore dal pasto. Senti di aver bisogno di energia? Un'ora prima di cominciare l'allenamento fai uno spuntino con un frutto come la banana o con una fetta biscottata con del miele e una bevanda con del fruttosio, che tiene stabile la glicemia.

5 - Non dimenticarti di bere frequentemente. Il meccanismo della sete è sempre in ritardo rispetto ai tuoi reali bisogni, e se pensi di uscire a correre dopo il lavoro mettiti in testa di bere almeno 3 litri d'acqua durante la giornata.

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>