Sport

Caro Kerimov, ecco come spendere 430 milioni (lasciando Messi a Barcellona)

Fa discutere l'offerta-choc dell'Anzhi. Con quei soldi si può costruire una super squadra

Leo Messi ha rinnovato con il Barcellona fino al 2018 – Credits: Ap Photo

E' uno scherzo ma fino a un certo punto perché i soldi che il magnate russo Suleyman Kerimov era disposto a mettere sul piatto per strappare Messi al Barcellona e portarlo in Daghestan erano veri. Dal primo all'ultimo euro, come quelli spesi per l'acquisto di Eto'o nell'estate del 2011. Convincere Messi è stato impossibile, eppure l'operazione messa in piedi dall'Anzhi era di quelle difficili da rifiutare: 250 milioni al Barcellona per coprire la clausola rescissoria e 30 milioni netti per tre anni al giocatore. Totale: non meno di 430 milioni da qui al 2016.

Il gioco che proponiamo vuole anche essere un suggerimento a mister Kerimov. L'esperienza vissuta con Eto'o dovrebbe avergli insegnato che non basta un fuoriclasse per vincere subito. Meglio tanti campioni. Ecco, allora, una veloce lista della spesa per costruire una squadra da sogno spendendo (da qui al 2016) più o meno la stessa cifra messa in budget per comprare Messi.

Siccome il sogno è quello di veder giocare grandi attaccanti, partiamo da lì. Ci teniamo Eto'o, ovviamente, e proviamo a suggerire un surrogato dell'Inter del Triplete che giocava con il 4-2-3-1 e davanti aveva un centravanti (Milito) e alle spalle un terzetto con Eto'o-Sneijder-Pandev. Spostiamoci sul mercato: Sneijder è in vendita e basterebbero 15 milioni per strapparlo a Milano (51 compreso l'ingaggio fino al 2016).

Poi c'è Balotelli, che in quell'Inter giocava poco ma può essere un attaccante esterno: 25 milioni al Manchester City e 4 netti a lui per un totale di 49. Al posto di Milito consigliamo di puntare su Cavani: ha una clausola alta (63 milioni) ma non irraggiungibile e con 99 milioni complessivi può trasferirsi in Daghestan.

Sistemato l'attacco arretriamo di qualche metro. A centrocampo ci sono due azzurri che costano ma garantiscono il salto di qualità immediato anche ai compagni che oggi giocano nell'Anzhi. Kerimov potrebbe bussare a Trigoria e prendersi De Rossi (diciamo 30 milioni subito e 6 netti al giocatore) e poi volare a Parigi per chiedere Verratti offrendo al Psg quasi il doppio di quanto speso in estate (20 milioni).

Siamo a quota 355. Ci sarebbe da sistemare la difesa ma tutta non ci sta. Allora puntiamo su due nomi-garanzia per chiudere il cerchio. Il primo è quello di Buffon che ha un valore di mercato relativamente basso vista l'età (10 milioni) e ingaggio monstre per tutti ma non per Kerimov. Infine volo a Londra e offertone per Bale del Tottenham. Bastano 50 milioni cash?

Ingaggi compresi siamo a quota 443. Il budget è stato leggermente sfiorato ma non dovrebbe essere un problema per un uomo inserito nella lista di Forbes degli uomini più ricchi del mondo. Con questi sette giocatori (otto con Eto'o) e altri tre già presenti nella rosa la squadra è certamente competitiva. Forse più che con il solo Messi. Abbiamo scherzato, ovvio. Ma ci piace pensare che anche l'offerta a Leo fosse uno scherzo. Impossibile pensare che si rinchiudesse davvero nell'esilio dorato del Daghestan.

Seguimi su Twitter e Facebook

© Riproduzione Riservata

Commenti