Calcio

Pino Insegno: "Sono convinto di quello che ho detto"

L'attore e presentatore si difende dalle accuse dei social network che da ieri sera lo stanno bersagliando di sfottò dopo il suo commento di Juventus-Lazio - L'ironia di twitter -

L'attore e conduttore romano Pino Insegno

"Sono convinto di quello che ho detto. Il primo tempo lo ha fatto la Lazio. Comunque non ho avuto problemi alla fine della partita a fare i complimenti alla Juventus. E' stata una bellissima serata all'insegna dell'allegria e del divertimento e io ero lì solo per fare compagnia ai 4 milioni di telespettatori incollati davanti al televisore, non certo per fare il commentatore".

Parola dell'uomo più discusso (almeno nelle ultime 24 ore) d'Italia. Parola di Pino Insegno, comico, presentatore, attore, doppiatore. Ma nulla nella carrierea gli è valsa tanta popolarità sui social network come la sua presenza nelle vesti di opinionista e commentatore tecnico alla finale di Supercoppa tra Lazio e Juventus.

Sì, perché in fondo, Pino Insegno non è che sia proprio subissato di complimenti. Anzi. Diciamo che juventini e non si sono divertiti a prendersi gioco di lui, ribaltando per una volta i ruoli. A farla da padrone, e a scatenare i tweet, è stata la sua battuta alla fine del primo tempo: "la Lazio sta facendo la partita". Ma quando poi i bianconeri hanno "bastonato" gli aquilotti, la sua battuta è diventata la protagonista del gioco al rincaro.

E alle centinaia di tweet che impazzano in rete come risponde Pino Insegno?

"Io non cinguetto, io ruggisco", scherza l'attore romano che dice "saranno di certo tutti juventini che non stanno stare al gioco". E conclude come di consueto con un'altra battuta non appena gli si leggono alcuni dei messaggi lasciati dagli internauti: "Non sono mica San Francesco! Io non parlo con gli uccellini".

Ma anche Alessandro Del Piero parlava agli uccellini...forse perché juventino doc?  

© Riproduzione Riservata

Commenti