Mihajlovic il cattivo e Ljajic il bello: la Fiorentina ha iniziato tra dubbi e scommesse

Speciale protagonisti della serie A – 2^puntata - “Quando mi arrabbiavo a Catania i giocatori reagivano, quando lo faccio qui si mettono a piangere”. Le parole di Sinisa Mihajlovic sanno di voce grossa di un serbo nato per punire (non …Leggi tutto

Adem Ljajic esulta dopo il rigore segnato contro la Lazio  EPA/CARLO FERRARO

Adem Ljajic esulta dopo il rigore segnato contro la Lazio EPA/CARLO FERRARO

bar sportSpeciale protagonisti della serie A – 2^puntata - “Quando mi arrabbiavo a Catania i giocatori reagivano, quando lo faccio qui si mettono a piangere”. Le parole di Sinisa Mihajlovic sanno di voce grossa di un serbo nato per punire (non solo dal limite dell’area con un pallone) nei confronti di un gruppo di snob con la puzza sotto al naso. Una critica forte, uno sfogo dopo l’avvio incerto della Fiorentina del dopo Prandelli, capace di raccogliere appena cinque punti nelle prime cinque partite. Poca fame, poco gioco e poca aggressività, la Viola dell’avvio di stagione è piaciuta a pochi. La rinascita punta però sul nuovo talento della squadra, Adem Ljajic, trequartista di 19 anni serbo come Sinisa che sta facendo impazzire tifosi e soprattutto tifose.

L’infortunio di Jovetic, la polemica per il rinnovo di Montolivo e per la poca grinta del gioco viola hanno messo in discussione sin da subito le sorti del tecnico ex Bologna e Catania. Come se non bastasse l’inizio di stagione ha sottolineato la mancanza di Gilardino in marcatura, momento buio per il goleador di Biella che è però tornato al gol nella partita contro il Genoa dopo un lungo periodo di digiuno. Senza nascondersi troppo sembra evidente di come la squadra non abbia ancora somatizzato l’addio di Prandelli e il cambio di identità sotto la guida di Mihajlovic. I giocatori della Fiorentina sembrano ancora troppo “timidi” in campo, i vari Montolivo, Gilardino e Vargas sono considerati da tutti giocatori di prima fascia ma nell’ipotesi di un’altra stagione no il loro valore potrebbe scendere mettendo nei guai anche i progetti della famiglia Della Valle.

Le note positive vengono invece dall’inserimento in rosa di Adem Ljajic, il trequartista che con l’assenza prolungata di Mutu e l’infortunio di Jovetic si è ritrovato sulle spalle il pezzo della fantasia d’attacco viola. Ljajic è da subito diventato l’idolo di Firenze e il nuovo sex symbol per le tifose viola. Viso pulito da diciannovenne, piede fatato e dribbling veloce, precisione nei calci piazzati. Il numero 22 della Fiorentina, maglia scelta come omaggio al suo idolo Kakà, ha già segnato due gol in questo campionato e la sua percentuale di passaggi riusciti è dell’87%. In settimana per lui si è parlato di un interessamento dell’Inter ma per ora nessuno a Firenze ha intenzione di privarsi del nuovo talento. Basterà il piccolo gioiello dell’est per riportare la Fiorentina nelle zone alte della Serie A?

Sinisa Mihajlovic festeggia la vittoria sul Parma ANSA CARLO FERRARO

Sinisa Mihajlovic festeggia la vittoria sul Parma ANSA CARLO FERRARO

Speciale protagonisti della serie A – 1^puntata – NAPOLI

© Riproduzione Riservata

Commenti