La serie A riparte tra polemiche, tessere del tifoso e tanti stranieri come non mai

Con l’anticipo delle 18 tra Udinese e Genoa comincia ufficialmente la serie A 2010-2011, torneo che segue il terribile mondiale sudafricano e si colloca come primo tassello per la rinascita di un campionato in crisi. Mai come prima le …Leggi tutto

La prima giornata della serie A 2010-2011 (ANSA)

La prima giornata della serie A 2010-2011 (ANSA)

bar sport

Con l’anticipo delle 18 tra Udinese e Genoa comincia ufficialmente la serie A 2010-2011, torneo che segue il terribile mondiale sudafricano e si colloca come primo tassello per la rinascita di un campionato in crisi. Mai come prima le casse della Lega avevano ricevuto così tanti incassi per i diritti tv, 900 milioni, e mai gli stranieri tesserati erano stati così tanti, 247. Preoccupa la tessera del tifoso, un provvedimento che non convince e che ha portato 70 mila abbonamenti in meno della precedente stagione.

Javier Zanetti è alla sua 16^stagione con l'Inter (ANSA)

Javier Zanetti è alla sua 16^stagione con l'Inter (ANSA)

La nuova stagione parte con una certezza ormai monotona, l’Inter è la favorita per il torneo, forte di una rosa collaudata (anche se indebolita rispetto allo scorso anno) che può cercare il quinto scudetto consecutivo. Subito dietro c’è la Roma di Ranieri, unica squadra che è riuscita a stare al passo della corazzata di Mourinho, e la nuova Juventus di Del Neri con Krasic, Quagliarella e Aquilani. Il Milan, che aspetta il si di Ibrahimovic, può giocare per la zona Champions ma non sembra ancora in grado di lottare per il titolo. Ci si aspetta molto dal Genoa di Toni, re del mercato estivo e tra le squadre che hanno speso di più in Europa per la campagna acquisti. La zona Europa conta anche il Palermo di Rossi che aspetta la definitiva consacrazione di Hernandez, la Samp di Cassano e Pazzini, la Fiorentina di Mihajlovic che punta su Ljalic e anche la Lazio di Reja che ha puntato su Hernanes, Bresciano e Garrido.

Alessandro Del Piero saluta i suoi tifosi (ANSA)

Alessandro Del Piero saluta i suoi tifosi (ANSA)

Curiosità per le neopromosse come il Cesena del giapponese Nagatomo, uno dei 247 stranieri del campionato, un record per la serie A. Gli scontri di Bergamo con gli ultras dell’Atalanta che hanno contestato il ministro Maroni hanno posto nuovamente l’attenzione attorno alla tessera del tifoso, un provvedimento che vorrebbe decapitare le frange violente del tifo ma che di fatto allontana le famiglie dagli stadi. Secondo le parole del presidente del Palermo Zamparini la tessera del tifoso “è un ricatto, un’intimidazione vera e propria”. In pratica, i club sarebbero stati costretti a adottarla pena il rischio che i prefetti vietassero la vendita dei biglietti in centinaia di partite. La tessera si preannunciava come un modo per allontanare dalle competizioni sportive i giocatori sottoposti al DASPO, ma in realtà la legge già prevede che chi vende i biglietti sia collegato con un software alle questure ai fini del rilascio del nulla osta alla vendita. Confusione, tanta confusione che in queste settimane ha dato l’idea di un ulteriore aumento della tensione intorno al mondo calcio.

La nuova stagione si preannuncia all'insegna delle polemiche per la tessera del tifoso (ANSA)

La nuova stagione si preannuncia all'insegna delle polemiche per la tessera del tifoso (ANSA)

Questo non fa che agevolare l’industria della pay per view, un settore che è in piena guerra per accaparrarsi nuovi abbonati per la stagione. Mediaset, Sky e Dahlia, mai come quest’anno la lega ha ricevuto così tante entrate per i diritti televisivi. 900 milioni di euro che mantiene il fatturato della serie A al terzo posto tra le leghe europee dopo Premier e Bundesliga.

1^giornata

  • Udinese – Genoa 18:00
  • Roma – Cesena 20:45
  • Bari – Juventus 29-08
  • Chievo – Catania 29-08
  • Fiorentina – Napoli 29-08
  • Milan – Lecce 29-08
  • Palermo – Cagliari 29-08
  • Parma – Brescia 29-08
  • Sampdoria – Lazio 29-08
  • Bologna – Inter 30-08
© Riproduzione Riservata

Commenti