Juve: com’è la partita vista dal nuovo stadio

Dopo aver visto in tv la presentazione in pompa magna dell’avveniristico Juventus Stadium ho pensato che fosse cose buona e giusta farmi un’idea dal vero di quello che sarà il nuovo tempio del tifo bianconero. La prima di campionato contro …Leggi tutto

Lo Juventus Stadium al suo interno

Lo Juventus Stadium al suo interno

Bar Sport: la terza stellaDopo aver visto in tv la presentazione in pompa magna dell’avveniristico Juventus Stadium ho pensato che fosse cose buona e giusta farmi un’idea dal vero di quello che sarà il nuovo tempio del tifo bianconero. La prima di campionato contro il Parma mi ha fornito l’occasione per recarmi sul posto e raccontarvi quindi le mie prime impressioni.

Visto da fuori il nuovo stadio è così come si vede in foto. Bello e abbastanza imponente, ma devo ammettere che anche il Delle Alpi – esternamente – aveva il suo fascino. Il meglio, però, arriva una volta varcati i cancelli d’ingresso.

Ancor prima di arrivare davanti al campo capisci che questo è lo stadio della Juve.  E di nessun’altro. Uno stadio moderno ma non per questo freddo e asettico come spesso capita alle strutture nuove di pacca. La scelta di arredare ogni angolo dello stadio con le immagini dei campioni che hanno fatto grande la Juve in oltre cent’anni di storia mi pare azzeccata: fra una gigantografia di Platini, un poster di Zoff e le stelle dei vari campioni stampate sul suolo, il tifoso juventino ha come la sensazione di sentirsi a casa.

Lo Juventus Stadium al suo interno

Lo Juventus Stadium al suo interno

Arrivi davanti al rettangolo di gioco. E ti rendi conto che la Juve non ha solo uno stadio tutto suo, ma che si tratta di uno stadio vero, uno stadio fatto per il calcio, uno di quelli che fino a ieri vedevi solo in trasferta, quasi sempre all’estero.

Nel nuovo stadio puoi parlare con la squadra, letteralmente. Significa che puoi sentire le urla dei giocatori e del mister, il rumore della palla quando viene calciata di collo piede e se se sei nelle prime file puoi persino salutare i tuoi idoli mentre si scaldano a bordo campo.

Un discorso a parte merita il livello sonoro. Il volume della tifoseria all’interno del nuovo Juventus Stadium è almeno di tre tacche più alto rispetto a quello che si percepiva nel vecchio Delle Alpi. Non so se questo basterà per dare ad Antonio Conte il dodicesimo uomo in campo, ma di una cosa sono certo: venire a giocare a Torino non sarà facile per nessuno. Lo sa bene Giovinco, che probabilmente avrà ancora nelle orecchie il frastuono dei fischi piovutigli addosso in occasione del rigore del 4 a 1 che ha chiuso la partita.

Lo Juventus Stadium al suo interno

Lo Juventus Stadium al suo interno

Fin qui le sensazioni positive. Perché poi ci sono anche le cose che non vanno. Non parlo dei tanto criticati tiranti (che a mio modo di vedere non sono così impattanti). Mi riferisco più che altro a tutto il contorno di servizi e infrastrutture.

Cominciamo dalla viabilità, uno di quegli elementi che doveva essere completato ben prima dell’inaugurazione delle stadio e che invece appare ancora in alto mare. Se arrivate da Milano mettete in conto un’ora e mezza di viaggio e altrettanto per uscire dall’ingorgo che si forma intorno allo stadio.

Note dolenti arrivano anche dalle biglietterie. D’accordo che certi meccanismi vanno ancora messi a punto ma non è ammissibile che per la prima del nuovo stadio gli accrediti dei biglietti arrivino solo a meno di un’ora del calcio d’inizio e per di più con i nominativi sbagliati.

Lo Juventus Stadium al suo interno

Lo Juventus Stadium al suo interno

Non c’è traccia (almeno nella zona sponsor) di tutte quelle strutture che dovrebbero regolare l’afflusso dei tifosi verso i botteghini. Per mettere ordine servirebbe Antonio Conte, ma basterebbe anche qualche semplice transenna a serpentone di quelle che si vedono davanti ai check-in negli aeroporti.

Piuttosto deludente, almeno per il momento, anche il livello di comunicazione sui servizi. Perché all’ingresso non c’è nemmeno un volantino con la mappa del nuovo stadio e l’elenco di tutte gli esercizi presenti? Probabilmente perché l’area commerciale è ancora in buona parte da completare.

Insomma c’è ancora da lavorare, come ha detto Conte riferendosi ai suoi. Ma per il momento va bene, anzi benissimo così.

Si ringrazia lo staff di Betclic per l’ospitalità

Segui @LaTerzaStella  e su  Facebook

 

© Riproduzione Riservata

Commenti