Da Macheda il fenomeno a Macheda il pacco: anche Alex Ferguson lo scarica

Fino a sei mesi fa era Kiko Macheda, giovane fenomeno romano capace di strabiliare i tifosi del Manchester Utd a neppure diciotto anni. Oggi è un giocatore perso, naufragato nella stagione fallimentare della Sampdoria. Era arrivato con la …Leggi tutto

Federico Macheda (LAPRESSE)

Federico Macheda (LAPRESSE)

bar sportFino a sei mesi fa era Kiko Macheda, giovane fenomeno romano capace di strabiliare i tifosi del Manchester Utd a neppure diciotto anni. Oggi è un giocatore perso, naufragato nella stagione fallimentare della Sampdoria. Era arrivato con la responsabilità di sostituire Cassano, lui aveva moderato i toni: “Con calma, Cassano è un fenomeno io ancora non sono nessuno“. Parole sante.

Macheda è apparso da subito un sopravvalutato, bruciante nel dribbling su sé stesso e capace di infastidire il pubblico doriano con giocate superflue, colpi di tacco forzati, tocchi leziosi e inutili. L’emblema della stagione blucerchiata può essere lui, un calciatore che contava di giocare sei mesi in Italia per poi tornare ai Red Devils e che invece con tutta probabilità dirà addio alla maglia degli inglesi. Le dichiarazioni di Alex Ferguson a News of the World non sembrano infatti lasciare speranze per un ritorno:

Stiamo lavorando affinché il prestito alla Sampdoria possa tramutarsi in cessione. Altrimenti guarderemo altrove

Secondo il Secolo XIX, se la Samp non dovesse riscattarlo, è possibile un suo inserimento nella trattativa con l’Aston Villa per arrivare ad AshleyYoung. Di certo Kiko sembra diventato Chicco, tutt’altro che fenomeno. Nella stagione della Sampdoria fa ironicamente sorridere anche la storia di questo ragazzo, accolto come un fuoriclasse e letteralmente scomparso in panchina raccogliendo finora 11 presenze e zero gol. L’unica rete segnata con la Sampdoria è in coppa  Italia nella partita contro l’Udinese: un bel dribbling e un tiro fortunoso che però aveva fatto sorridere e ben sperare i tifosi della Sampdoria. “Questo è forte forte…” si sentiva vociferare in gradinata. Dopo la sconfitta nel derby che ha probabilmente condannato la Sampdoria alla b, durante il deflusso dallo stadio, un tifoso doriano brandiva e mostrava lo striscione “E’ un macheda show”. Autoironia, beffarda autoironia.

© Riproduzione Riservata

Commenti