Così Twitter immagina le scuse di Carlos Tevez per non scendere in campo

La scorsa estate è stato al centro delle trattative di mercato. Tutti volevano Carlos Tevez: Inter, Real Madrid, Barcellona, Corinthians. Le voci sul suo conto hanno tenuto banco sotto l’ombrellone al punto che difficilmente sembrava ipotizzabile …Leggi tutto

Carlos Tevez e Roberto Mancini (La Presse)

Carlos Tevez e Roberto Mancini (La Presse)

La scorsa estate è stato al centro delle trattative di mercato. Tutti volevano Carlos Tevez: Inter, Real Madrid, Barcellona, Corinthians. Le voci sul suo conto hanno tenuto banco sotto l’ombrellone al punto che difficilmente sembrava ipotizzabile una sua permanenza a Manchester con Roberto Mancini, l’allenatore che a causa dello scarso feeling lo ha relegato ai margini della rosa citizens. Alla fine invece la punta è rimasta in Inghilterra a ma le presenze in campo con la maglia del City si contano sulla punta delle dita. I tifosi inglesi hanno scelto di scherzarci su e tra i top trend di Twitter  dopo la partita con il Bayern c’era l’hashtag Tevezescuses che raccoglie una serie di battute dei tifosi sulle motivazioni che avrebbero spinto l’argentino a non scendere in campo.

L’hashtag di Twitter, l’unico social network capace di fare concorrenza a Facebook, è stato preso letteralmente d’assalto da quegli utenti che in poche parole ironizzano sulle possibili massime del rapporto tra Tevez e Roberto Mancini. “Mi fai entrare a dieci minuti dalla fine quando stiamo vincendo 2-0, per chi mi hai preso? Per Berbatov?” Il primo post visibile strappa già sorrisi. Scorrendo la pagina si viene letteralmente sommersi dai contributi dei tifosi, un top trend che in meno di dieci minuti conta qualcosa come 128 aggiornamenti. Si arriva al punto che durante la lettura si riesce ad incappare nella scritta “Il caricamento dei Tweet sembra essere lento.Twitter potrebbe essere sovraccarico oppure avere un problemino temporaneo”.

Smettere di leggere è però difficile: “Mister, ho scelto di non giocare perché la panchina è vicina alla tribuna dove sono seduti i miei figli”, “Valgo quanto Aguero e Dzeko ma loro sono pagati per giocare, io per dare fastidio”, “Che bello giocare in panchina ad Angry Birds con l’ipad di Balotelli”, alcuni sono per bocca di Mancini: “Carlos ci serve un gol. Voglio vedere un gol di testa con il tuo collo che schiaccia oltre la linea di porta”. Risposta di Tevez: “Mister ma io non ho il collo”. L’ironia dei supporter non risparmia le mancanze estetiche dell’attaccante: “sono troppo brutto per giocare ad un gioco così bello”. Per leggerli e magari contribuire basta visitare l’indirizzo http://twitter.com/#!/search?q=%23tevezexcuses

© Riproduzione Riservata

Commenti