Buffon: “Vorrei rigiocare la finale di Manchester, con Nedved”

Fra le tante cose dette da Gigi Buffon ieri in occasione dell’intervista in streaming organizzata da Samsung, ce ne sono due che ci hanno colpito in modo particolare: La prima; alla domanda su quali fossero le gioie …Leggi tutto

Buffon-cut.jpg

ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Fra le tante cose dette da Gigi Buffon ieri in occasione dell’intervista in streaming organizzata da Samsung, ce ne sono due che ci hanno colpito in modo particolare:

La prima; alla domanda su quali fossero le gioie più grandi da quando è in bianconero Gigi ha elencato nell’ordine:

- Il rigore parato a Figo in occasione di Juve Real di Champions
- Il 5 maggio
- La partita con l’Arezzo che ha sancito nel 2007 il ritorno in A
- L’ultimo scudetto

La seconda riguarda il suo più grande rammarico, la partita che vorrebbe rigiocare una seconda volta: Juve-Milan, finale di Champions del 2003, ma con Nedved in campo.

Due risposte che ci hanno colpito perché d’istinto noi (e forse qualsiasi altro juventino) avremmo risposto allo stesso modo.

Ecco, ieri abbiamo avuto la riprova che Gigi Buffon è juventino, ancor prima che un giocatore della Juventus. Lo è diventato, probabilmente, respirando giorno dopo giorno la storia e la cultura bianconera, o forse grazie a Calciopoli, un’ingiustizia che – ne siamo certi – ha risvegliato in lui un orgoglio e un senso di appartenenza che forse prima del 2006 non era così tangibile.

Meriterebbe la Champions League Gigi Buffon, per quanto ha sofferto e quanto ha dato alla Juve. E forse, per gli stessi motivi, la meriteremmo anche noi.

e su  Facebook

© Riproduzione Riservata

Commenti