Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Calcio

Il Milan risorge a San Pietroburgo

Vittoria che vale oro per Allegri. Ancora decisivo El Shaarawy (5° gol in 10 giorni). Spalletti quasi fuori vacilla.

 

Nella notte più difficile il Milan ritrova a San Pietroburgo la vittoria in Champions League che mancava addirittura dal due anni: novembre 2010. Dopo di allora solo delusioni (6 pareggi e 4 sconfitte) fino a questo successo sullo Zenit che vale un bel passo in avanti verso gli ottavi di finale e una boccta d'ossigeno per Allegri e il gruppo in vista del derby.

E' finita 3-2 con partenza lampo dei rossoneri in gol subito con Emanuelson ed El Shaarawy. Per il Faraone il 5° in 10 giorni. Prestazione mostruosa che lo rende leader della squadra. Lo Zenit ha dominato la fase centrale della gara pareggiando con Hulk (47' pt) e Shirokov (49'). Poi nel finale la deviazione sfortunata di Ubocan nella sua porta (75') e la vittoria di platino.

Il successo porta il Milan a quota 4 in due giornate con la prospettiva della doppia sfida al Malaga che potrebbe già regalare la qualificazione per gli ottavi anche per lo Zenit, fermo a quota zero, è con più di un piede fuori. Allegri ha fatto un brutto scherzo a Spalletti che ora vacilla. L'inizio stagionale dei bi-campioni russi è stato tremendo e il toscano è sulla graticola più del collega che l'ha battuto.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>