Calcio

Gruppo D: l'Uruguay

La squadra di Tabarez ha vissuto una crescita costante e vuole spazzare l'Italia con un attacco stellare  

L'Uruguay festeggia la coppa America vinta nel 2011 – Credits: ANSA

Gruppo: D con Inghilterra, Italia e Costa Rica 

Presentazione: La gloriosa storia della Celeste ha vissuto negli ultimi anni un picco unico. Quarto posto nel mondiale 2010, vittoria della Coppa America nel 2011 e una crescita costante in termini di tecnica e qualità. La generazione che gestisce Tabarez può contare su talenti assoluti del calcio mondiale. Da Suarez a Cavani passando per Diego Godin e Cristian Rodriguez. L'obiettivo è andare più lontano possibile, i sudamericani restano i favoriti del girone e considerando l'esclusione quasi automatica della Costa Rica anche le situazioni climatiche giocheranno la loro parte. Sarà dura per le europee Inghilterra e Italia. 

I convocati: Portieri: Muslera (Galatasaray), Silva (Vasco da Gama), Munoz (Libertad). Difensori: Lugano (Wets Bromwich), Godin e Gimenez (Atl. Madrid), Caceres (Juventus), M. Pereira (Benfica), Fucile (Porto), Coates (Nacional), A. Pereira (S. Paolo), Scotti (Nacional).Centrocampisti: Arevalo Rios (Morelia), Perez (Bologna), Gargano (Parma), Gonzalez (Lazio), Silva (Lanus), Ramirez (Southampton), Lodeiro (Botafogo), Eguren (Palmeiras), Rodriguez (Atl. Madrid), Fernandez (Gimnasia), Castro (Real Sociedad). Attaccanti: Suarez (Liverpool), Cavani (Psg), Forlan (Cerezo Osaka), Hernandez (Palermo), Stuani (Espanyol)

La probabile formazione: (4-4-2) - Muslera, Pereira, Lugano, Godin, Caceres, Gonzales, Arevalo, Lodeiro, Pereira, Cavani, Suarez. 

Le stelle: Con tutto il rispetto per Cavani la stagione di Luis Suarez al Liverpool è stata a dir poco devastante. 33 presenze e 31 gol non sono bastati per regalare la Premier League ai Reds ma lo score personale decreta la definitiva esplosione di un cannoniere con pochi eguali al mondo. Dopo essere cresciuto nell'Ajax ha preso le misure del campionato inglese e dal 2011 i gol sono 69 in 110 partite. Il Real Madrid neo campione d'Europa è pronto ad una pazzia pur di farlo suo. I dirigenti inglesi sperano invece in un gran mondiale per far schizzare ulteriormente alle stelle il suo prezzo. 

I giovani da tenere d'occhio: Talento cristallino o meteora? Giovane su cui investire o meno? Gaston Ramirez ha mostrato tutte le sue qualità nel Bologna prima di finire in Inghilterra al Southampton. Classe 1990, dopo un difficile impatto con il calcio d'oltremanica ha raccolto 39 presenze con 6 gol. Centrocampista offensivo e mancino ha fatto tutta la trafila delle nazionali con l'Uruguay ma non ha ancora espresso il suo potenziale. Il mondiale è il palcoscenico perfetto, saprà mettersi in luce?

Il palmares: 2 coppe del mondo, 15 coppe America, 2 ori olimpici

L'allenatore: Prima di fare il tecnico faceva l'insegnante, questo in parte spiega il soprannome di Oscar Tabarez, El Maestro. La restante spiegazione si può cercare nei risultati di una carriera esaltante e riconosciuta da tutto il calcio mondiale. Nel 2011 è stato allenatore dell'anno secondo l'IFFHS grazie alla vittoria nella coppa America e in passato ha anche allenato Cagliari e Milan. Dal 2006 guida la nazionale del suo paese e sa di arrivare al mondiale brasiliano con una rosa competitiva: l'obiettivo è migliorare il 4° posto del 2010, missione difficile ma non impossibile. 

© Riproduzione Riservata

Commenti