Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Calcio

CLASSIFICA PANORAMA.IT - Juve sempre avanti, ma nelle ultime 5 giornate...

Inter penalizzata dal big match in poi dopo i favori iniziali. Senza errori la Fiorentina sarebbe terza da sola e il Chievo ultimo. Milan alla pari

Il fermo immagine Sky che certifica il fuorigioco nel gol del pareggio dell'Atalanta – Credits: Ansa

Non è stata una giornata tremenda per gli arbitri, ma la sfortuna di Nicchi e Braschi è che l'errore di Giacomelli a San Siro si è mangiato in sul boccone una domenica (e un sabato) in cui dai direttori di gara erano arrivate risposte tutto sommato positive e dove c'erano stati gravi errori, come a Firenze, era stato il risultato del campo a fare giustizia.

Invece all'ultimo respiro di Inter-Cagliari c'è stato il contatto tra Atori e Ranocchia che ha mandato su tutte le furie Moratti e innescato una nuova guerra tra Inter e Juventus di cui certamente non si sentiva la mancanza. L'Inter si lamenta per gli arbitraggi dalla gara di Torino in poi (e cioè non appena la squadra di Stramaccioni è entrata in orbita scudetto) mentre da Vinovo si ricordano i favori ricevuti dai nerazzurri all'inizio del campionato.

IL DOSSIER DI PANORAMA.IT - Dove si trova la verità? Impossibile da stabilire in modo oggettivo e allora Panorama.it si affida al suo dossier sulla classifica senza errori arbitrali che già ha fatto discutere nelle ultime settimane. Il metro è la valutazione secondo le moviole dei quotidiani sportivi italiani degli episodi dubbi. Vengono definiti 'decisivi' gli errori che influiscono direttamente sul risultato (gol irregolari, gol fantasma, rigori negati o assegnati ingiustamente). E' evidentemente quasi impossibile stabilire un sistema completamente oggettivo, ma vale per fotografare una tendenza.

TENDENZA CAMBIATA NELL'ULTIMO MESE - L'annotazione è che nel saldo generale la Juventus continua ad avere un bilancio torti/favori con gli arbitri del tutto in linea con le altre big del campionato. I bianconeri hanno 'guadagnato' 2 punti grazie ad errori così come Inter e Fiorentina e addirittura meno di Lazio (3 punti) e Napoli (4 punti).

Nelle ultime 5 giornate, però, la tendenza si è invertita rispetto alla prima fase della stagione. Per intenderci, dopo l'8° turno la Juventus vedeva confermati anche nell'analisi i 22 punti conquistati sul campo, mentre le inseguitrici le restavano vicine grazie a qualche 'aiutino': il Napoli (19 punti contro i 17 virtuali), l'Inter e la Lazio (18 contro 14) con l'unica eccezione della Roma (14 reali contro 16 virtuali).

Poi ci sono stati i fatti di Catania-Juventus e una 9° giornata complessivamente disastrosa, le polemiche per la direzione di Tagliavento nel big match di Torino e le ultime accuse di Moratti per la direzione di Giacomelli a San Siro. Il risultato è oggi il credito accumulato dalla squadra di Conte si è ridotto notevolmente. Non abbastanza per cambiare la storia odierna del campionato, ma sufficientemente per spiegare la rabbia dell'Inter.

LA CLASSIFICA SECONDO PANORAMA.IT - Ecco comunque la classifica depurata dagli errori arbitrali e secondo i criteri già esposti. E' utile per comprendere una tendenza. Per l'oggettività non basterebbe la moviola in campo. Resta da sottolineare come, secondo i criteri del nostro dossier, siano state fin qui condizionate nel risultato 22 gare su 130 (16,9%). Il record alla 9° con 5 su 10:

Juventus 30 (-2)

Inter 26 (-2)

Fiorentina 25 (-2)

Napoli 23 (-4)

Roma 21 (+1)

Lazio 20 (-3)

Parma 19 (+2)

Atalanta 18 (=)

Catania 18 (-1)

Udinese 17 (+1)

Torino 16 (+2)

Sampdoria 15 (+2)

Milan 15 (=)

Palermo  13 (+2)

Cagliari 12 (-4)

Pescara 11 (=)

Bologna 11 (=)

Siena 11 (+1)

Genoa   9 (=)

Chievo   8 (-3)

Seguimi anche su Twitter e Facebook

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il dossier dei torti arbitrali subiti dall'Inter

Dopo il rigore non concesso a Ranocchia contro il Cagliari si infuria anche Moratti. Dalla partita con la Juventus fino alla trasferta di Bergamo ecco il dossier nerazzurro sugli errori dei direttori di gara

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>