EIBAR VS BARCELONA
Calcio

Caso Neymar: il Barcellona rischia l'esclusione dalla Liga?

L'incredibile ipotesi per il processo per frode fiscale con alla sbarra l'ex presidente blaugrana. Il club continuerebbe a giocare solo la Champions

L'ipotesi sembra frutto della mente di uno scrittore di fantascienza, però esiste e in Spagna se ne sta parlando tanto che la stampa catalana ha deciso di pubblicare la notizia. Il Barcellona potrebbe essere escluso dalla Liga per una o due stagioni come conseguenza del processo per reati fiscali che vedrà alla sbarra l'attuale presidente Josip Bartomeu e il suo predecessore Sandro Rosell, accusati di aver mentito sul reale costo dell'operazione che ha portato al Camp Nou la stella brasiliana Neymar, strappato alla concorrenza del Real Madrid. Un acquisto da quasi cento milioni di euro, messe in fila tutte le voci della transazione, sul quale il Barcellona avrebbe omesso di pagare 12 milioni di tasse. Questa è l'ipotesi di reato su cui hanno lavorato per mesi i magistrati catalani e contro la quale si dovrà difendere il club.

La clamorosa idea dell'esclusione del Barcellona dalla Liga viene rilanciata come richiesta del procuratore Perals e porterebbe a una sanzione sportiva immediata in territorio spagnolo senza che ci sia l'automatica estensione alle competizioni Uefa, anche se negli ultimi anni Nyon si è dotata di un codice etico che probabilmente negherebbe a Messi e soci anche la partecipazione alla Champions League. Si tratta al momento di speculazioni e indiscrezioni giornalistiche, ma la vicenda ha diviso profondamente Madrid e Barcellona e non solo perché su Neymar c'era anche il Real Madrid che poi ripiegò su Bale accusando i rivali di aver 'taroccato' i numeri dell'operazione.

Il Barcellona si è difeso in questi mesi senza, però, riuscire ad evitare il rinvio a giudizio. Ora che il processo si avvicina è arrivata la solita conferma: "Non ci sono prove di alcun reato fiscale, faremo ricorso". Nulla sull'esclusione dalla Liga che risulterebbe un autentico autogol anche per il calcio spagnolo che perderebbe uno dei due pilastri su cui si sostiene. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti