Sport

Iturbe alla Juve, ma i soldi li prende il mediatore

L'argentino alla corte di Marotta per 27 milioni di euro, ma al Verona ne andranno solo 20. Ecco perché... - Il tabellone del calciomercato - Lo speciale

Juan Manuel Iturbe – Credits: Ansa

Juan Manuel Iturbe e la Juventus si sono trovati e l'attaccante argentino sarà presto alle corte di Antonio Conte. La trattativa si è sbloccata nelle ultime ore e non è stata semplice, un po' perché il Milan ha fatto azione di concorrenza fino all'ultimo e molto perché la situazione del cartellino del giocatore costringeva club e mediatori a un difficile lavoro di composizione del puzzle. Alla fine Iturbe costerà alla Juventus 27 milioni di euro, ma la notizie curiosa è che il Verona non li incasserà tutti, ma dovrà lasciarne una buona parte a Gustavo Mascardi, intermediario che ha giocato un ruolo fondamentale nel passaggio in bianconero. Mascardi, infatti, era proprietario del 30% dei diritti di vendita di Iturbe e, dunque, incasserà circa 7 milioni di euro mentre al Verona ne andranno 20 che porteranno a una plusvalenza di circa 5 dopo averne spesi 15 per riscattare il giocatore dal Porto.

Perché accade questo? Mascardi è la persone che ha portato Iturbe in Europa e all'epoca dell'operazione con il Porto era il detentore al 100% del cartellino dell'attaccante. Poi si è tenuto il 30% che ora gli verrà liquidato sotto forma di commissioni e altro, dal momento che in Italia - a differenza di quanto accade in Portogallo e Spagna - la proprietà dei diritti sportivi di un calciatore può essere solo di un club e non di un soggetto terzo. Sulla carta è tutto chiaro, nella realtà gli intermediari hanno un ruolo sempre più importante, soprattutto nelle trattative con oggetto giocatori provenienti dal Sud America dove, invece, la pratica delle Tpo e l'influenza dei fondi è molto forte. L'effetto collaterale è che qualche volta i calciatori finiscono in gabbie dorate dalle quali diventa difficile uscire. Un esempio? Abel Hernandez del Palermo, ma con cartellino in condivisione con Penarol (30%) e intermediario Betancourt (10%). Il che significa che, o si trova un acquirente a cifre alte, dai 15 milioni in su, oppure difficilmente Zamparini venderà un giocatore senza averne un adeguato ritorno. 

© Riproduzione Riservata

Commenti