Sampdoria – Inter: dal ritorno di Cassano alla cessione di Icardi

Il barese divide i tifosi che chiedono a gran voce l’utilizzo di Maxi Lopez al posto dell’argentino che sembra già promesso ai nerazzurri Segui Blucerchiando su Facebook e Twitter Finalmente si gioca. Dopo la spiacevole vicenda che ha portato …Leggi tutto

icardicassano.jpg

Inter Milan forward Antonio Cassano celebrates after scoring the 3-0 lead during the UEFA Europa League round of 16 second leg match between Inter Milan and Tottenham Hotspur at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 14 March 2013. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Il barese divide i tifosi che chiedono a gran voce l’utilizzo di Maxi Lopez al posto dell’argentino che sembra già promesso ai nerazzurri

Segui Blucerchiando su Facebook Twitter

Finalmente si gioca. Dopo la spiacevole vicenda che ha portato al doppio rinvio è arrivato il momento di Sampdoria – Inter. Una partita che arriva tre giorni dopo il pareggio blucerchiato a Bergamo e la sconfitta nerazzurra contro la Juventus. Tanti gli spunti di discussione: dal ritorno a Genova di Antonio Cassano come avversario passando per Mauro Icardi, il talento argentino che in tanti dicono essere già di proprietà dell’Inter (nei mesi scorsi si parlava di un’assicurazione già registrata dai nerazzurri presso l’agenzia londinese Lloyd’s, il club di via Durini ha però smentito). Delio Rossi vuole mettere in ulteriore difficoltà Stramaccioni, sempre in discussione e ancora nervoso dopo il post partita di sabato scorso: il rigore richiesto per fallo su Cassano, il passaggio contestato di Quagliarella nell’azione dell’1-2 (ha visto bene il guardalinee) e il finale con l’intervento scellerato di Esteban Cambiasso su Giovinco. L’argentino ha chiesto subito scusa ma la squalifica di una giornata che gli è stata combinata sembra un’ingiustizia in piena regola.

Il ritorno di Antonio Cassano

I tifosi blucerchiati sono divisi. Antonio ha lasciato tanto alla sua (ex) gente ma è andato via dopo un tradimento che in tanti non gli hanno perdonato. Tra di loro c’è anche Edoardo Garrone, neo presidente della Sampdoria che sembra il primo ad opporsi ad un futuro nuovamente blucerchiato per Fantantonio. Il litigio con il padre Riccardo Garrone, le dichiarazioni spiacevoli dopo il suo arrivo al Milan (“se avessi saputo di venire al Milan avrei litigato prima con Garrone”) hanno messo la parola fine alle voci su un suo possibile ritorno. I sostenitori blucerchiati sono però più divisi che mai. “Io applaudirò solo la Sampdoria e basta polemiche. Tecnicamente Cassano è stratosferico, sicuramente verrà sia fischiato che applaudito ma penso che l’unico pensiero dei sampdoriani sarà sostenere la squadra” spiega Martina Cevasco. “Non vale niente come uomo e mi infastidisce, ci ha fatto fare figure pessime e dopo la frase su Garrone nel giorno del suo arrivo al Milan per me può sparire” dice Luca Lazzeri. Diversa l’0pinione di Enrico Cavana: ” Io prevedo che verrà fischiato e ci scommetto quello che volete. Poi si dirà che sono in pochi ma saranno in tanti i suoi ex innamorati,quelli che avevano le lacrime agli occhi quando faceva segno di voler restare a Genova”. In tanti parlano di indifferenza, la stessa parola che riassume il mio ultimo post dedicato all’argomento.

I tifosi vogliono Maxi Lopez in campo al posto di Icardi

Mauro Icardi sembra ormai promesso all’Inter. Il teatrino con il suo procuratore e i messaggi d’amore al club nerazzurro hanno raffreddato i rapporti tra il bimbo e la gente blucerchiata. Ad aumentare gli attriti ci sono state poi le ultime prestazioni dell’argentino, molto sotto tono rispetto alla prima parte del 2013. Ingredienti che nel calderone del pre partita hanno portato i tifosi a chiedere l’impiego dal primo minuto di Maxi Lopez, tornato a disposizione dopo il lungo infortunio ma apparso sovrappeso nelle ultime uscite. Con Eder squalificato la coppia d’attacco che la maggior parte dei tifosi vorrebbe in campo diventa così Sansone – Maxi Lopez anche se c’è chi ipotizza uno stimolo ulteriore di Icardi a mettersi in mostra contro quella che potrebbe essere la sua prossima maglia. Se l’affare si farà sarà intorno ai 15 milioni di euro di valutazione, una trattativa che potrebbe però vedere l’inserimento di qualche giovane nerazzurro. M’Baye, Longo e Benassi quelli più appetiti in prospettiva.

Inter senza Cambiasso ma con l’infermeria meno piena

L’intervento di Cambiasso contro Giovinco avrebbe dovuto essere punito con minimo tre giornate di squalifica. Il giudice sportivo ha invece inflitto un solo turno di stop all’argentino che a Marassi non scenderà in campo. Tuttavia rispetto alla data originale in cui era prevista la sfida, il 17 marzo, la squadra di Stramaccioni ha recuperato il giapponese Nagatomo (che non è stato però convocato) e anche il brasiliano Juan che sarà regolarmente in campo. Al posto di Cambiasso c’è Kuzmanovic che giocherà a centrocampo con Zanetti, Kovacic e Gargano. Guarin agirà dietro le punte: sicuro l’impiego di Palacio mentre Cassano sembra aver recuperato dopo la botta ricevuta contro i bianconeri.

Segui Blucerchiando su Facebook Twitter

© Riproduzione Riservata

Commenti