sampdoria-gol
Calcio

Le genovesi in testa alla serie A, partenza col botto per Samp e Genoa

La squadra di Giampaolo batte 2-1 l'Atalanta, i rossoblù vincono contro il Crotone con una doppietta di Pavoletti. Torna il derby d'alta quota?

Partenza spettacolare per le due squadre genovesi, prime in classifica dopo due giornate insieme a Juventus e Sassuolo. La Sampdoria sembra rinata sotto la guida di Giampaolo e anche la partita contro l'Atalanta ha confermato i segnali positivi già visti nella vittoria di Empoli. Stesso discorso per il Genoa che dopo aver battuto 3-1 il Cagliari all'esordio ha bissato il successo contro il Crotone sul campo di Pescara. 

Il derby della Lanterna (andata fissata per il prossimo 23 ottobre) torna così ad avere il sapore dell'alta classifica grazie a due rose rivoluzionate che puntano su giovani di talento. La Sampdoria ha ritrovato il miglior Muriel, in forma come non mai dal suo arrivo a Genova. Il colombiano corre, si sacrfica, lotta su ogni pallone e mostra giocate che al Ferraris non si vedevano da tempo. Sull'altra sponda c'è invece la conferma di Pavoletti, doppietta contro il Crotone, punta di peso sulla quale il nuovo ct azzurro Giampero Ventura vuole puntare forte. 

A premiare i rossoblucerchiati le scelte di mercato estive e gli investimenti in prospettiva. Alla Samp sono arrivati tanti giovani interessanti a partire da Dennis Praet, talento belga che ha fatto ieri il suo esordio in serie A. Convince anche Karol Linetty, polacco arrivato dal Lech Poznan e già calatosi nella realtà del campionato italiano. Menzione speciale invece per l'uruguaiano Lucas Torreira, classe 1996, mediano raro e prezioso di cui si sentirà parlare. 

Nell'inizio del Genoa hanno deluso l'esordio di Ocampos e il cavallo di ritorno Miguel Veloso ma nella rosa di Juric gli elementi di qualità non mancano. A Pescara uno dei migliori in campo è stato Darko Lazovic, preziosissimo in difesa e negli inserimenti offensivi, così come Serge Gakpé, autore del momentaneo 1-1 per il grifone. Nella Genova rossoblù si attende anche la definitiva esplosione di Diego Laxalt, anche ieri tra i migliori in campo.

Sia Samp che Genoa sanno che la vetta della serie A è una posizione momentanea ma la storia parla chiaro: ogni volta che le due squadre hanno avuto partenze così brucianti a Genova si sono vissute stagioni avvicenti. Uno spettacolo dovuto agli oltre 35 mila abbonati tra le due società, un eccezione in un calcio italiano che porta sempre meno gente allo stadio. 

© Riproduzione Riservata

Commenti