Arriva l’inverno ma manca la coperta

Segui Blucerchiando su Facebook e Twitter A pochi giorni dalla nuova trasferta di Parma, finalmente libera dopo essere stata per troppo in ostaggio di scelte incomprensibili, una brutta tegola in casa Samp. Nicola Pozzi è stato sottoposto …Leggi tutto

small_121006-193204_bas061012spo_0159-copy-1024x784.jpg

 

 

Segui Blucerchiando su Facebook Twitter

A pochi giorni dalla nuova trasferta di Parma, finalmente libera dopo essere stata per troppo in ostaggio di scelte incomprensibili, una brutta tegola in casa Samp. Nicola Pozzi è stato sottoposto ad artroscopia al ginocchio destro in seguito alla comparsa di due episodi di blocco articolare, starà fermo per circa un mese. Un problema in più per l’attacco di Ciro Ferrara che in questo avvio di campionato ha sottolineato un’emergenza in rosa sempre più evidente. Per il modulo adottato dal tecnico il parco attaccanti non sembra infatti essere sufficiente. Con tutti gli effettivi a disposizione la Sampdoria può essere una squadra in grado di giocarsi un ruolo di protagonista in questa stagione ma appena l’infermeria si riempie sono guai. L’assenza di Eder a Verona ha dimostrato come i blucerchiati dipendano per gran parte del loro potenziale dalla velocità degli esterni associata alla posizione centrale di Maxi Lopez.

Il reparto avanzato conta però poche alternative: oltre all’argentino e al brasiliano riscattato dal Cesena ci sono Estigarribia, Icardi (che ultimamente ha dimostrato di non avere ancora la lucidità necessaria sotto porta), Pozzi (infortunato), Krisiticic (fuori ruolo, non è un attaccante ma un mediano) e Juan Antonio (desaparecido che non sembra però all’altezza della serie A). Una coperta troppo corta per sostenere le idee tattiche di Ferrara, un modulo in cui un giocatore come Foggia avrebbe fatto comodo. Peccato che la cifra richiesta da Lotito per il riscatto sia stata eccessiva e il centrocampista offensivo napoletano si sia così ritrovato ai margini della rosa biancoceleste.

Un’occasione persa perchè gli infortuni rischiano di imporre a Ciro una rischiosa improvvisazione, come già visto contro il Chievo Verona con Munari impiegato come esterno alto d’attacco (in amichevole contro il Monaco è toccato a Soriano) ed Estigarribia terzino. A gennaio servirà almeno un rinforzo, magari una punta duttile capace di giocare sia al centro che sull’esterno. La coperta è corta, dopo l’infortunio a Nick ogni nuova assenza peserà sempre di più. L’inverno è alle porte: presidente compraci il piumone.

© Riproduzione Riservata

Commenti