BASKET-EURO-2015-ITA-GER
Basket

Europei basket, impresa Italia a Berlino: 89-82 sulla Germania

Vittoria al supplementare, seguito in Tv anche da Matteo Renzi. Una tripla di Belinelli chiude la sfida e apre le porte di Lille - video highlights

Un'Italia-Germania "doc", al cardiopalma, di quelle di calcistica memoria. Un'Italia-Germania vinta per 89-82 al supplementare, dopo che il folletto Schroeder - autore sino a quel momento di 29 punti, che saranno anche il suo bottino finale - spedisce incredibilmente sul ferro il sottomano che potrebbe valere il successo per i tedeschi dopo il 76-76 di Gallinari (top-scorer con 25 punti) a 3" dalla quarta sirena.

Matteo Renzi, un tifoso in più
Dopo l'errore del play in forza agli Atlanta Hawks, come rivelato a fine match dal presidente della Fip Gianni Petrucci, Matteo Renzi sospende temporaneamente i lavori per seguire l'overtime e gli azzurri stringono i denti per raccogliere le ultime energie e firmare l'ennesima impresa dello sport italiano a Berlino, davanti ai 13.050 spettatori dell'O2 Arena. Li stringe anche e soprattutto Marco Belinelli (17 in tabellino), che con fredda determinazione e una mentalità tutta Nba negli ultimi secondi - anziché gestire il pallone - infila la tripla tagliagambe dell'87-82.

Belinelli: "Io non ho paura, e nemmeno i miei compagni"
"Ho visto che eravamo 5 contro 4 e in queste situazioni ci devi provare senza stare a fare tanti ragionamenti sul cronometro", ci spiega lo stesso "Beli" dopo i festeggiamenti. "Non ho mai avuto paura di prendere questi tiri e mai l'avrò, così come non l'hanno avuta prima i mei compagni, come ad esempio il Gallo per il precedente 84-82 o Cinciarini per il canestro che a due minuti dal termine del tempo regolamentare ci ha rimesso in parità. Sono davvero orgoglioso di far parte di questa squadra, in cui tutti sono fondamentali, e del nostro staff. Ora è giusto non porsi limiti, anche se la prima cosa è recuperare in vista dell'imminente partita con la Serbia (giovedì alle 14,30, diretta Sky Sport, ndr)".

La risposta di Bargnani
Sugli scudi anche Alessandro Gentile (15 punti, 4 assist), decisivo nel tenere a galla i nostri nel momento più buio, dopo che erano scivolati anche a -10 (45-55), e pure Andrea Bargnani (17), stimolato dopo quello con Gasol dal nuovo duello in chiave "pro" contro Nowitzki e forse anche dalle critiche piovutegli addosso dopo le prime prestazioni nel torneo: "Rispondo sul campo a chi mi accusa di non avere gli attributi, stop", il lapidario commento del futuro Brooklyn Nets. Che poi analizza così il match: "E' stata una vera battaglia, resa esaltante anche dalla cornice di pubblico. Il piano era quello di limitare Nowitzki (che chiude infatti a 14, ndr) e abbiamo accettato di pagarla concedendo spazi a Schroeder".

Magari non proprio quello sull'ultima azione di cui sopra, ma va benissimo così: fioccano gli applausi dagli italiani sugli spalti di Berlino, insieme con quelli dei tanti che seguono da casa, mentre i magazzinieri della Nazionale iniziano a preparare i bagagli per Lille. Il terzo posto nel girone è assicurato, il primo è ora più che un sogno, anche se la Serbia sta giocando da vera vice-campione del mondo. 

Le altre partite del girone

Serbia-Turchia 91-72. Quarta vittoria consecutiva e seconda sul velluto per la Serbia: dopo l'Islanda ieri, oggi è la Turchia a essere subito affondata nella prima frazione (30-14), con il vantaggio quindi gestito senzo sforzo e infine incrementato per il +19 finale. Il tutto sotto l'ispirata regia di Teodosic, davvero in un pomeriggio di grazia da 17 punti e ben 13 assist, molti dei quali a innescare il top-scorer Raduljca (20) in "pick and roll". 15 punti anche per Kalinic, mentre Bjelica (8) può prendersi un'altra giornata di riposo. Tra i turchi, di fatto mai in partita, 16 di Muhammed e 14 di Erden.

Spagna-Islanda 99-73. Dopo un primo tempo equilibrato (41-36), le rotazioni della Spagna trasformano il match in una sorta di allenamento in vista dell'ultima sfida contro i padroni di casa della Germania, con i 22 punti di Gasol e i 21 di Mirotic a certificare la totale supremazia sotto i tabelloni della squadra di Scariolo. Top-scorer dei finlandesi è invece Stefansson con 17 punti.

© Riproduzione Riservata

Commenti