Basket

Quando Adidas disse "no" a Michael Jordan

Nel 1984 MJ voleva indossare le scarpe con le tre strisce, ma gli esperti dell'azienda tedesca gli preferirono giocatori più alti

Correva l'anno 1984 e una giovane stella del college basket - colui che che aveva segnato il tiro decisivo per la vittoria di North Carolina nella finale Ncaa 1992 – si accingeva a mettere piede in Nba. Michael Jordan era pronto per iniziare a scrivere la sua leggenda, e avrebbe voluto farlo - dicono oggi alcuni grandi rivenditori di articoli sportivi americani - con un paio di scarpe Adidas ai piedi. 

Stando a un articolo pubblicato sul Wall Street Journal sarebbe stato lo stesso Jordan a richidere una partnership con l'azienda tedesca che però, per voce dei suoi responsabili, declinò l'offerta del futuro 5 volte campione Nba. Il motivo? Secondo gli esperti di comunicazione di Adidas gli appassionati avrebbero preferito indossare calzature di giocatori decisamente più alti di MJ; ad esempio il centro dei Lakers Kareem Abdul Jabbar, ancora oggi sotto contratto – famose le sneakers che portano il suo nome – con il marchio delle tre strisce . 

A quel punto Jordan fu quasi costretto a scegliere di firmare con Nike, mettendo le basi di quella che nelle tre decadi successive sarebbe diventato uno dei contratti di sponsorizzazione più proficui dello sport mondiale, con la creazione di un brand dedicato – Jordan Brand, appunto – che oggi fattura oltre 100 milioni di dollari l'anno e che insieme alla casa madre fornisce le scarpe a 322 giocatori Nba (contro i soli 70 Adidas).

Leggi l'articolo "Le scarpe più indossate dai giocatori Nba"

In molti hanno accostato la scelta (sbagliata, lo possiamo dire ben dire...) dell'azienda tedesca a quella dei Portland Trail Blazers, che in quello stesso anno non scelsero la guardia da North Carolina – selezionato poi alla scelta numero tre dai Chicago Bulls – preferendogli il centro Sam Bowie. D'altra parta cosa sarebbe potuto accadere se Adidas avesse deciso di accettare la richiesta di Jordan non lo sapremo mai. E forse se lo sta chiedendo da 31 anni a questa parte anche colui che rifiutò di firmare l'accordo con MJ...

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Messi e l'Argentina nel pianeta Nba

L'Albiceleste è stata ospite degli Washington Wizards, assistendo quindi all'incontro contro gli Indiana Pacers del connazionale Luis Scola

Commenti