Sport

Balotelli? Ecco quanto vale davvero oggi

Iscritto a bilancio per 18,2 milioni di euro, non può partire per meno. Le parole di Berlusconi, la trattativa con l'Arsenal e il compito di Raiola...

– Credits: Afp/Getty Images

Quanto vale oggi Mario Balotelli? Interrogativo forse banale, ma assolutamente lecito all'indomani delle esternazioni di Silvio Berlusconi. Il presidente onorario del club rossonero ha fatto intendere il proprio pentimento per non aver accettato la proposta di un club inglese prima del Mondiale. Nella fattispecie l'Arsenal di Arsene Wenger, che aveva messo in cima alla lista dei desideri proprio SuperMario. La disastrosa spedizione brasiliana della nostra Nazionale ha ridimensionato le quotazioni in chiave europea del numero quarantacinque milanista.

Eppure Balotelli è stato l'unico attaccante italiano ad andare a bersaglio nella rassegna iridata, decretando il successo azzurro contro l'Inghilterra. A oggi il Milan lo cederebbe volentieri per almeno venti milioni. Una cifra non esorbitante se paragonata a quelle circolanti nel resto d'Europa, tuttavia in grado di far registrare una plusvalenza alle casse del club di via Aldo Rossi. La punta classe '90, infatti, arrivò alla corte di Allegri il 31 gennaio 2013 e fu iscritto a bilancio con la valutazione di 23,5 mln.

L'avvio fu folgorante con reti decisive che trascinarono il Diavolo in Champions League. All'epoca prese informazioni il Chelsea, però la proposta dei Blues fu ritenuta bassa. L'ultimo bilancio ufficiale di casa Milan delineava per Balo un valore residuo iscritto nel bilancio dell'anno solare 2013 di 18.277.778 euro. Inevitabile quindi ripensare a venti milioni come cifra base per una cessione, dato che i trenta proposti dall'Arsenal a fine maggio sono svaniti al cospetto di una Coppa del Mondo in chiaroscuro. Tecnicamente, considerato l'ammortamento ad ogni semestre di 2,6 mln per Balotelli, Berlusconi e Galliani potrebbero accontentarsi anche di cifre inferiori ai venti milioni senza incorrere in minusvalenze. A oggi SuperMario grava sul club per circa 15,6 mln. Un'offerta leggermente superiore garantirebbe comunque un surplus ai rossoneri.

Il vero quesito riguarda chi possa investire sull'ex attaccante di Inter e Manchester City. Si è parlato di una finanziaria che possa spalleggiare Raiola nel rilevarne in prima persona il cartellino, sulla falsa riga di quanto accade in Sudamerica. Ipotesi percorribile (Mascardi e Jorge Mendes docet in tal senso) ma considerata fuorilegge in Europa. Toccherà al suo agente Mino Raiola disegnare un altro capolavoro: col Monaco, considerata la cessione imminente di Radamel Falcao al Real Madrid, sono stati riallacciati i contatti; mentre dalla Premier League rimane tutto in stand-by visto che sia Arsenal che Liverpool hanno virato con decisione su Alexis Sanchez. I buoni uffici di Raiola nel Principato potrebbero, oltre che avvantaggiare ed arricchire il suo assistito, pure risultare la panacea per le asfittiche casse milaniste, che avevano chiuso l'ultimo esercizio con un deficit di circa 15 mln. Casualità o segno del destino: proprio quanto pesa a bilancio in questo momento Mario Balotelli...

© Riproduzione Riservata

Commenti