Sport

Balotelli affonda la Germania

L'Italia supera i tedeschi e vola a Kiev per la finale di Euro 2012

Balotelli esulta dopo il gol del 1-0 (Credits: AP Photo/Vadim Ghirda)

Due gol in un primo tempo a dir poco storico. Mario Balotelli ha scelto la serata più importante della sua giovane carriera per dimostrare davanti al mondo la sua classe e porta l'Italia in finale contro la Spagna.

La Germania è stata dominata quasi come l'Inghilterra, soprattutto nei primi 45' dove la squadra giovane e bella di Joachim Low è stata surclassata in ogni parte del campo dagli azzurri messi in campo da Cesare Prandelli in maniera a dir poco impeccabile.

A parte gli ultimi 5 minuti, dopo il gol su rigore di Ozil che ha ridato speranza ai teutonici, in realtà gli azzurri non hanno mai sofferto fallendo tra l'altro più volte il pallone del 3-0.

Ora si vola alla finale contro i detentori e campioni del mondo della Spagna, che però avevamo già fatto soffrire nella partita inaugurale del girone di qualificazione.

Si comincia con le formazioni annunciate, salvo Kroos che prende il posto di Muller. L'Italia è quella che tutti si aspettavano. Chiellini, De Rossi, e Cassano sono in campo a denti stretti per gli acciacchi che si trascinano da qualche giorno.

Il nostro possesso palla è efficace. Pirlo, seppur pressato, smista il gioco su Cassano o sulle fasce laterali. Ma è Balotelli che fa la differenza. Solo contro l'intera difesa tedesca Super Mario non si lascia intimorire, anzi. Alla prima occasione sfugge a Badstuber esegna di testa raccogliendo un cross pennellato di Cassano.

Ma lo show non finisce qui. Perché su invito di Montolivo, Balotelli si trova a tu per tu con Neuer. Questa volta però il passo incerto visto con la Spagna, il tentativo di pallonetto fallito con l'Inghilterra sono un lontano ricordo. Mario si invola a tutta velocità e dal limite dell'area scarica un bolide che gonfia la rete.

La Germania ci prova ad inizio ripresa. Klose fa meglio di Gomez e corriamo qualche pericolo. Però Di Natale, e Marchisio falliscono soli davanti al portiere il gol del 3-0. Il rigore finale di Ozil, in pieno recupero, regala ai tedeschi la speranza di una mischia tanto disperata quanto inutile.

Italia batte Germania, come nel '70, nell'82, nel 2006.

© Riproduzione Riservata

Commenti