peter sagan
Altri sport

Mondiali ciclismo: Peter Sagan vince da solo

Senza compagni ad aiutarlo, lo slovacco sorprende tutti nel finale (il video) e taglia per primo il traguardo del circuito di Richmond

Un talento in sella pari solo alle sue doti da equilibrista sulle due ruote (frutto della sua passione per il ciclocross), su strada Peter Sagan non ha mai vinto una classica né un grande Giro. Ma sul circuito cittadino di Richmond, in Virginia, ha messo a segno un'impresa di quelle che rimangono nella storia: il 25enne slovacco, senza compagni di squadra a dargli una mano lungo i 259,2 km del percorso, è infatti andato via al penultimo strappo della corsa per andarsi a prendere la maglia di campione del Mondo senza che nessun avversario avesse il tempo di reagire.

Sagan a braccia alzate, quindi, e delusione per tutte le altre nazionali imbottite di talenti, inclusa un'Italia che a dispetto del tanto lavoro sviluppato durante la corsa riesce a produrre solo il 18° posto di Giacomo Nizzolo, con l'oro iridato che rimane un traguardo lontano (l'ultima vittoria azzurra fu di Ballan nel 2008).

"Ho fatto grandi sacrifici nelle ultime tre settimane dopo la Vuelta", ha dichiarato un ovviamente entusiasta Sagan a fine gara, "e oggi ho colto la mia più grande vittoria: ho fatto un solo attacco e ho pensato subito che era quello giusto. E' stata una corsa molto strana, mi sembrava di impazzire mentre aspettavo e aspettavo, poi ho dato tutto". E ha raccolto il massimo.

© Riproduzione Riservata

Commenti