Altri sport

Il trionfo di Serena, la sopravvissuta

Il 5° titolo a Wimbledon un anno dopo aver rischiato la vita per un'embolia polmonare: "La malattia mi è servita per essere me stessa". Per lei trionfo numero 14 in uno Slam

 

Serena Williams è tornata. Un anno dopo aver rischiato di morire a causa di un'embolia polmonare che la portò in codice rosso (era il 2 marzo 2011), la tennista statunitense ha battuto in finale a Wimbledon Agnese Radwanska 6-1 5-7 6-2. Per lei è la quinta vittoria sull'erba londinese. Eguaglia la sorella Venus e sale a quota 14 titoli nei tornei dello Slam dove il record è detenuto dall'australiana Margaret Court con 24.

"Mi sento una sopravvissuta" ha detto in lacrime festeggiando la vittoria. Un anno fa aveva davvero rischiato la vita e la sua carriera sembrava compromessa: "Il punto più basso è stato quando languivo sul divano pregando, con un tubo nello stomaco per l'alimentazione, il sangue impazzito e il fegato in disordine chiedendomi se mai mi sarei rimessa in piedi". Lo ha fatto con un torneo da record nel quale ha battuto addirittura 102 aces, 24 in una sola partita e 4 in un solo game. Ora punta al Grande Slam e all'oro alle Olimpiadi di Londra. Insaziabile.

© Riproduzione Riservata

Commenti