Isaac-Makwala
Altri sport

Chi è Isaac Makwala: escluso dai 400 metri perché contagioso

L'atleta del Botswana prova ad entrare ma viene bloccato. Lui nega i sintomi ma la IAAF emette un comunicato per chiarire la vicenda

La corsia numero 7 vuota nella finale dei 400 metri ai Mondiali d'Atletica non è passata inosservata. Era quella di Isaac Makwala, atleta trentenne del Botswana escluso a causa di un'intossicazione alimentare. Lui non ci sta, lascia l'albergo e si presenta allo Stadio Olimpico di Londra per correre. Niente da fare, all'entrata viene bloccato dalla sicurezza e non prende parte alla sfida iridata che viene vinta dal sudafricano Van Niekerk

Il Badman d'Africa

Isaac Makwala era uno dei favoriti per la finale dei 200 e 400 metri maschili. Un potenziale podio che avrebbe reso ancor più speciale un 2017 iniziato con l'argento ai Mondiali di staffetta di Nassau. Soprannominato Badman, ha fatto il suo esordio ai Mondiali d'Atletica nel 2009 a Berlino e dopo 8 anni era finalmente pronto per una medaglia importante. 

Intossicazione in albergo

Lo scorso 8 agosto oltre 30 atleti in gara ai Mondiali di Londra sono stati colpiti da una sindrome gastrointestinale, probabilmente dovuta a un'intossicazione alimentare. Tra di loro anche Isaac Makwala che in un post su Facebook aveva comunicato la deslusione per il suo forfait obbligato alla finale dei 200m. 

Fermato all'ingresso, il video virale

Dopo la rinuncia alla finale dei 200 metri Makwala si è presentato allo Stadio Olimpico di Londra per prendere parte a quella dei 400. All'ingresso è stato però fermato da alcuni uomini della sicurezza come si può vedere nel video pubblicato e subito diventato virale. 

Le accuse al governo inglese

Dopo la finale l'atleta del Botswana ha pubblicato un post su Facebook dove spiega di essere stato vittima di una trappola al fine di essere escluso dalla finale. Makwala ha puntato il dito sul "governo britannico" e dichiarato: «Non sto male e non sono mai stato visitato da un medico». 

La risposta della IAAF 

Dopo le accuse su Facebook la IAAF ha fatto sapere che «Isaac Makwala è stato estromesso dalla finale dei 400m dopo la diagnosi di una malattia infettiva nella giornata di lunedì. Secondo le normative sanitarie britanniche è stato chiesto lo stato di quarantena nella sua stanza per 48 ore, un periodo che termina il 9 agosto alle 14. Queste procedure sono state raccomandate dalla Public Health England».

Una vicenda che è stata chiusa definitivamente e che non ha influito sulla scontata vittoria di Van Niekerk: un 43"98 con il freno tirato ma che è bastato per vincere l'oro Mondiale davanti al bahamense Steven Gardiner (44"41) e al ventenne qatariota Abdalelah Harouin (44"48). 

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti