Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Società

'Stasera si gioca'... Per stare insieme

E' arrivata alla seconda edizione la gara che coinvolge molti Comuni d'Italia per accaparrarsi il titolo di Città del Gioco 2012. Lo scopo? Passare più tempo con i propri cari e tornare un po' bambini

Una partita a Monopoly in versione extra large in una scuola

Dopo l’edizione da record dello scorso anno, con più di 100 comuni partecipanti, nel 2012 Hasbro, azienda che da sempre si occupa della realizzazione di prodotti per il divertimento e il tempo libero dedicati ai bambini e alle loro famiglie, ha voluto “bissare” il successo e, dal 10 novembre, ha messo in campo la seconda edizione della sfida tutta italiana per eleggere la Città del Gioco 2012. Il vincitore verrà decretato lunedì 19 novembre.

Ma come funziona? Di certo non si possono abbandonare i posti di lavoro o le scuole per un’intera settimana semplicemente per giocare. Tutt’altro. Lo scopo di “Stasera si gioca” è quello di riscoprire il valore del tempo passato in compagnia di amici e familiari. I grandi protagonisti saranno infatti i comuni italiani che hanno aderito all’iniziativa, ma soprattutto i cittadini, che avranno il compito di aiutare il proprio comune a generare ore di gioco utili ad accaparrarsi la vittoria e il titolo di Città del gioco 2012. A quanto pare, e non è un dato da sottovalutare, secondo una ricerca Istat pubblicata all’inizio di quest’anno, meno del 18% del tempo di una persona con età superiore ai 15 anni è occupata dalle attività ludiche. Percentuale che si abbassa in modo drammatico, intorno al 13%, per gli adulti tra i 25 e i 44 anni. Inoltre Pepita, cooperativa sociale specializzata nella realizzazione di progetti educativi e sociali, già nel 2011 aveva segnalato che il dato sul tempo che i genitori dedicano al gioco con i propri figli è allarmante: in media solo 15 minuti al giorno.

Detto questo, forse, per una settimana all’anno, si possono mettere da parte tutti gli impegni che quotidianamente ci “rapiscono” e tolgono tempo alla nostra famiglia, per dedicare spazio a figli e amici e riassaporare il piacere di stare insieme per uno scopo comunitario. Sì, perché il fine ultimo di “Stasera si gioca” è quello di vincere il premio in palio: un ricchissimo carico di giochi per creare la ludoteca più grande d’Italia, che dovrà essere allestita nel comune vincitore grazie a centinaia di confezioni dei giochi in scatola tra i più amati e famosi di sempre che saranno a disposizione di tutti i cittadini. La Città del Gioco sarà quella che riuscirà a realizzare le sfide più lunghe intorno a un tavolo, utilizzando i più popolari giochi in scatola quali Monopoly, Indovina Chi, Cluedo, l’Allegro Chirurgo, ma anche i più gettonati Trivial Pursuit e Taboo.

E se al Centro e Sud Italia si prediligono luoghi di ritrovo come pub, bar cittadini, birrerie e spazi universitari, ai cittadini del Nord piace invece recarsi in ludoteca oppure in oratorio per sfidare le altre regioni della Penisola. Ad oggi il comune che ha accumulato più ore di gioco è Jesi con oltre 162 ore, seguito a ruota da Gaeta con 150. Al terzo posto, ma ben lontano dai numeri degli aspiranti al podio, c’è La Spezia che se la gioca testa a testa con Ventotene e Saluzzo. Da ammirare la voglia di rivalsa della città  marchigiana che si è guadagnata il primo e il secondo posto in quasi tutti i giochi. Non resta che aspettare lunedì per scoprire il vincitore…

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>