Società

Quando la minigonna va oltre tutte le mode

Due esperte spiegano peché la minigonna non passerà mai di moda: alle donne piace troppo scoprire le gambe

La minigonna, capo che va oltre tutte le mode

Per festeggiare i 50 anni della minigonna, eBay.it ha indagato le abitudini di acquisto delle donne in fatto di abbigliamento e la “mini” vince su tutte le altre tipologie di gonne. Non solo. Crescono le vendite online del capo più “trasgressivo” degli anni Sessanta. Era il 1962, per essere precisi, quando la stilista Mary Quant vende il primo modello di minigonna nella sua boutique Bazaar di Chelsea, a Londra, e nello stesso anno compare per la prima volta sulle pagine di Vogue in Inghilterra una gonna sopra il ginocchio, il capo d’abbigliamento che ha cambiato per sempre non solo il look, ma anche lo stile di vita delle giovani (anche non così tanto giovani) aprendo una sorta di “nuovo spazio sociale” alle gambe delle donne.

In tutto ciò hanno aiutato molto, dopo gli anni della Swinging London, quelli più rivoluzionari per intenderci, i messaggi inviati da Oltreoceano con le serie tv più influenti. Telefilm di origine statunitense, ma di grande respiro mondiale e con un target variegato come Friends, Sex and the City, e prima ancora Melrose Place e Beverly Hills 90210 riportarono alla ribalta questo tipo di indumento, indossato spesso in scena dalle attrici protagoniste. Insomma dalla sua comparsa sulla faccia della Terra la minigonna non è mai passata di moda.

Quello che invece è cambiato rispetto ai decenni precedenti, è l'abitudine tra le donne di indossare l'indumento anche sopra i 30 anni, cancellando quindi l'immagine che lo voleva capo di abbigliamento destinato solo alle ragazze più giovani. Addirittura personaggi del calibro della Duchessa di Cambridge, Kate Middleton, o del ministro francese per l'innovazione e l'economia digitale, Leur Pellerin, hanno destato qualche stupore presentandosi in minigonna al primo appuntamento ufficiale da “fidanzata del principe” (con un miniabito di Zara da 70 sterline e giacchina nera di Ralph Lauren, 270 sterline ) o all'Eliseo la scorsa settimana.

Chissà come mai piace così tanto la minigonna... ma soprattutto quando e fino a che età è consentito indossare questo capo così audace? Lo abbiamo chiesto a due esperte che ci hanno dato anche qualche consiglio su come e quando scegliere questo indumento tanto amato-odiato (da chi non se la può permettere). Susanna Ausoni, fashion consultant e stylist di Victoria Cabello, Carmen Consoli e Camila Raznovich, spiega che non esiste un'età ben precisa per “smetterla” con le minigonne, ma solo del buon senso e qualche piccolo fondamentale: “Il problema non è quanti anni si hanno ma il contesto in cui ci si trova e soprattutto l’equilibrio che deve mantenere il fisico. Bisogna avere la consapevolezza di ciò che ci si addice e ciò che invece non è proprio adatto a noi. Detto questo tutti possono osare la minigonna perché, a volte, anche le imperfezioni possono trasformarsi in pregi: l’importante è essere consapevoli dei propri limiti e del proprio appeal”.

Con un’attenzione al luogo in cui ci si trova. La fashion consultant è ferma su alcuni punti: “mai in città e con i tacchi a spillo, mai in ufficio o per accompagnare i bambini all’asilo e mai durante il giorno, ma solo la sera dopo le 19”, però la stylist fa delle concessioni per le vacanze, al mare o in montagna che sia e con la pelle abbronzata, perché in quel caso le ristrettezze da galateo sono decisamente meno.

Anche Elena Garbarino, costumista Rai precisa “non me la sento di dare un’età dopo la quale evitare la mini, ma bisogna essere però in grado di guardarsi allo specchio e decidere quando è il caso di smettere”. Susanna Ausoni tiene inoltre a precisare che se si è un pochino cicciottelle o comunque non proprio filiformi “vanno assolutamente vietati i tessuti lucidi, i materiali elastici e il nero shining perché non sfinano per niente, anzi allargano ancora di più”. E mentre si decide se la minigonna ci dona o meno riempiamo intanto l’armadio di gonnelline corte, a pieghe, strette, svolazzanti, leggere o in jeans. Purchè sia mini!

© Riproduzione Riservata

Commenti