Versace, Chanel, Marc Jacobs, Dsquared2, Saint Laurent e tanti altri. Le maison d'alta moda fanno a gara per contendersi Marjan Jonkman, top model olandese di 22 anni.

Durante la settimana della moda parigina Marjan ha sfilato per praticamente tutte le grandi firme, ma la sua estrema magrezza non è passata inosservata indignando la Rete.

Il tam tam sul web

Proprio attraverso l'account Instagram della modella è partito un tam tam degli utenti per sensibilizzare ancora una volta il fashion system sulla piaga dell'anoressia in passerella.

Forte di un giro vita di soli 57 centimetri (pari a quello di un bambino di sette anni) Majan ha gambe scheletriche, è priva di ogni tipo di muscolatura con la pelle opaca e pochi capelli in testa.

LEGGI ANCHE: Project Harpoon, il ritocco con photoshop e l'inno alla magrezza

LEGGI ANCHE: Yves Saint Laurent: modella troppo magra, spot censurato

"Fatela curare" scrive qualcuno. "E' scandaloso che questo modello estetico venga pubblicizzato come vincente" aggiunge un altro mentre un terzo utente invita le case di moda a rinunciare alle modelle così magre.

Il magazine elvetico 20 minuten Friday, inoltre, si è fatto portavoce del caso Jonkman denunciando: "Nonostante il movimento body-positive e le rotondità comincino a comparire sui magazine femminili talvolta abbiamo l’impressione che tutto questo sia solo una diversivo. Il mondo della moda non è destinato a cambiare e le top super skinny come Marjan sono destinate a rimanere la norma".

Il dibattito social

Scorrendo i vari commenti che si leggono sul profilo Instagram della top model, del resto, sono in tanti ad ammirarne la magrezza e osannarne la forma fisica definendola addirittura "Sexy".

Quello che Instagram ha permesso è, in ogni caso, l'avvio di un dibattito sul tema con la possibilità di contrapporre modello estetico e sua antitesi e sviluppare un confronto.

I precedenti

Non è la prima volta che l'eccessiva magrezza veicolata dalla moda finisce sotto accusa. Lo scorso anno, ad esempio, l'Inghilterra aveva messo al bando la pubblicità Gucci che aveva come protagonista una modella anoressica e l'Asa, l'autorità che controlla i contenuti pubblicitari in Inghilterra, aveva definito "irresponsabile" la campagna Gucci.

LEGGI ANCHE: L'Inghilterra mette al bando le modelle Gucci troppo magre

LEGGI ANCHE: No alle modelle troppo magre in passerella

In Francia, poi, era stata avviata una proposta di legge per impedire alle modelle troppo magre di sfilare indicando l'indice di massa corporea sotto il quale un fisico non può definirsi sano.

Anche riviste come Vogue Italia hanno a lungo combattuto contro lo skinny costi quel che costi, ma il caso Jonkman dimostra come l'industria della moda sia ancora sorda alle tante sirene d'allarme che arrivano da più fronti. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti