Alla fine l'accordo c'è stato. Amber Heard uscirà dalla vita di Johnny Depp per la modica cifra di 7 milioni di dollari con cordiale stretta di mano finale.

Dopo le accuse di violenza domestica, i video di Johnny ubriaco, i rumors su Amber fedigrafa, bisex e senza scrupoli; dopo le prese di posizione di amici, parenti e dipendenti vari e dopo il finale a effetto con tanto di falange del mignolo mozzata il divorzio dell'anno è finito con un comuniato congiunto. "La nostra relazione è stata intensa e appassionata e a tratti un po' idealizzata, ma sempre guidata dall’amore. Nessuna delle due parti ha detto bugie o rilasciato accuse false per trarne vantaggio economico e non c’è mai stata nessuna intenzione di fare del male, fisicamente o emotivamente. Amber augura il meglio a Johnny per il suo futuro e metterà a disposizione i vantaggi economici che le arriveranno dal divorzio per beneficenza".

Ma come? Penserà colui che vedeva nella separazione dei due divi una trama degna di una soap. Dopo tre mesi a giurarsi odio eterno è già tutto finito? A quanto pare sì.

Forse Depp pensava gli potesse andare persino peggio. Era arrivato a vendersi i suoi preziosi Basquiat per far cassa e aveva dato via anche la sua bella casa a Venezia temendo che la Heard volesse succhiargli il patrimonio. Adesso però la scritta fine è stata posta in calce a questa storia che resta con tanti interrogativi e molto amaro in bocca per la fine della parabola del sex symbol che ha fatto sognare almeno due generazioni di ragazzine.

Perchè Amber ha accusato il pirata di violenze per poi far cadere tutto? Per soldi? Ma se quei soldi poi li dà in beneficenza? Perchè Johnny si è lasciato sopraffare dalla giovane collega arrivando a una caduta libera da cui sarà difficile riprendersi? Chi ci ha guadagnato in tutto questo? Chi ne esce meglio? In realtà nessuno dei due e forse questo significa che a Hollywood non ci sono più nè i divi nè le trame delle love story di una volta.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti