In Spagna lo chiamano solo "Cristiano". Come Maradona e gli altri grandi del pallone il cui nome è diventato icona.

E Cristiano Ronaldo oggi dopo aver sollevato forse la coppa più bella, quella vinta con suo Portogallo a Euro 2016, può tornare a Madrid a testa alta sapendo di essere entrato nella storia.

A 31 anni CR7 continua una parabola ascendente che pare inarrestabile e che lo vede protagonista sia del mondo del calcio sia del jet set, della moda e della pubblicità. Talento, soldi e successo che però Cristiano non spende solo in macchine, barche e case da sogno ma che mette a disposizione dei meno fortunati. Nessuno come lui si è dimostrato generoso, attento e presente verso chi ha più bisogno. La rivista statunitense Athletes Gone Good ha stilato la top ten degli alteti più mecenati di sempre e Cristiano la domina.

Il bomber dal cuore d'oro

Per esempio ha regalato 74mila euro a una famiglia il cui figlio di 10 anni doveva subire un'operazione al cervello e quasi 150mila per un centro portoghese di trattamento per il cancro.

E poi ancora, dopo il terribile terremoto in Nepal, aveva versato 6,88 milioni di euro attraverso Save the Children alle popolazioni colpite dal sisma.

Ronaldo, poi, si presta ad aste, raccolte fondi, gare di solidarietà. Difficile tenere il conto di tutto quello che negli anni ha fatto perchè spesso si muove senza dirlo a nessuno, di sua spontanea iniziativa, come quando nel 2004, dopo lo tsunami in Indonesia, era volato a incontrare un giovane trovato vivo dopo 19 giorni con indosso la maglia del Portogallo. 

A giugno, poi, dopo la vittoria della Champions con il Real Madrid, aveva dato in beneficenza il premio di 600.000 euro che spettava ai giocatori chiedendo che fosse distribuito tra vari enti benefici da lui scelti.

Una volta si era divertito a mascherarsi da mendicante e, in piazza a Madrid, si era messo a palleggiare tra la folla come se niente fosse. Aveva iniziato a giochicchiare con alcuni passanti e infine con un ragazzino che, lentamente aveva scoperto di trovarsi di fronte al mitico Cristiano. Sorriso, foto, pallone firmato un un momento di gioia donato a un bimbo.





Il Paperone del calcio

Certo con i suoi 17 milioni all'anno, più sponsor da capogiro, il patrimonio dell'attaccante ammonta a circa 210 milioni di euro e CR7 non perde occasione di togliersi qualche sfizio. Ha, per esempio, 50 orologi a edizione limitata, 15 macchine super esclusive: Bugatti, Lamborghini, Koenigsegg, Ferrari, le sue preferite. E poi ancora: una villa da 5000 metri quadrati con elicottero privato a Terras de Bouro e un appartamento nel pieno centro di Lisbona a Avenida de la Libertad valutato 2 milioni di euro oltre a barche, vestiti e scarpe super deluxe. Un'immagine patinata del Paperone del calcio che, però, sottobanco, dimostra di essere tanto ricco quando generoso.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti