Lunga vestaglia viola, capo coperto e una cornice di fiori a consacrare il miracolo di madre natura. Beyoncè è tornata così su Instagram e, a un mese dalla nascita dei gemelli Sir e Rumi - i cui nomi sono stati già registrati come marchio esclusivo - ha mostrato per la prima volta al mondo i suoi bebè.

Una foto storica

Una foto che, come quella dell'annuncio della gravidanza, ha fatto impazzire la Rete e, in poche ore, ha già guadagnato 5 milioni di like.

LEGGI ANCHE: Beyoncé è vicina al parto

LEGGI ANCHE: Ecco perché Beyoncé e Jay-Z hanno registrato i nomi dei gemelli 

L'immagine bucolica dei gemelli Carter si aggiunge alle foto che hanno fatto la storia dei baby vip del mondo e lo scatto di Beyoncè si prepara a scalzare dal podio, in termini di popolarità e impatto mediatico, la copertina del luglio 2008 di Vanity Fair America quando, per la prima volta, il mondo conobbe Vivienne e Knox Jolie Pitt, i gemelli figli naturali di Brad Pitt e Angelina Jolie.

Quello scatto, entrato di prepotenza nella storia della stampa rosa, era stato pagato dal magazine 11 milioni di dollari che la coppia aveva devoluto in beneficenza.

Le cover dei baby vip

Baby vip da copertina anche quelli di Jennifer Lopez e Marc Anthony. Nati nel marzo del 2008 Max ed Emme Anthony, a pochi giorni di vita, erano sulla cover di People con un'intervista di J.Lo in cui diceva: "E' il momento più magico della nostra vita. E’ una sensazione unica. Puoi vincere un Oscar, un Golden Globe e come star sei orgogliosa di ciò. Ma quando hai un figlio, tutto ciò è irrilevante. Come donna è la cosa più importante che mi potesse succedere".

LEGGI ANCHE: Jennifer Lopez, una vita dedicata ad amori e passioni

Anche i gemelli Mateo e Valentino Martin, figli in provetta di Ricky Martin, sono comparsi per la prima volta su People Spagna.

In seguito, in un'intervista rilasciata all'edizione spagnola di Vanity Fair, Ricky Martin a proposito della madre biologica dei bimbi aveva detto: "Io non ho affittato un ventre. Questa espressione la usano i conservatori fondamentalisti. Mi hanno prestato un ventre. Non ho pagato per averlo. Darei la vita alla donna che mi ha aiutato a mettere al mondo i miei figli".

Baby social vip

Non parla, invece, della madre dei suoi bimbi Cristiano Ronaldo già padre di Cristiano Jr., sette anni, e neo-papà di altri due gemelli: Mateo ed Eva.

I piccoli hanno già debuttato su Instagram guadagnando una pioggia di like. Il social baby shower è lo strumento di comunicazione preferito anche dalla maggior parte dei vip anche nostrani.

Michelle Hunziker, ad esempio, ha scelto Facebook per presentare prima Sole e poi Celeste ai suoi fan e lo stesso ha fatto Belén Rodriguez che, nel 2014, ha condiviso su Facebook le prime foto del piccolo Santiago.

Figli di calciatori, veline, modelle e showgirl costellano gli account social dei celebri genitori che ricevono gli auguri da tutti i follower in maniera trasversale e democratica.

Anche Kim Kardashian ha presentato suo figlio Saint su Instagram; non lo ha fatto, però, mostrandone il volto, ma un emoticon personalizzato e stilizzato che riproduceva le fattezze del neonato. 

Mariah Carey, invece, i suoi bimbi, Moroccan e Monroe, nati nel 2011 dal matrimonio con Nick Cannon li ha portati in tv per presentarli nel corso di una trasmissione nella quale era stata invitata a partecipare.

Questione di privacy

E se il baby shower del Principe George (e di sua sorella Charlotte) non ha eguali in fatto di potenza mediatica tante star scelgono di non esporre proprio la prole all'attenzione dei media dimostrando che la privacy, se si vuole, può essere mantenuta.

LEGGI ANCHE: George di Cambridge: i 3 anni del royal baby

LEGGi ANCHE: William e Kate presentano la principessa

Mistero, ad esempio, sul figlio di Keira Knightly, nato un paio d'anni fa e mai apparso in pubblico. Idem per quello di Anne Hathaway: lei aveva condiviso una foto incinta per anticipare i paparazzi, ma del bimbo nessuna traccia ufficiale. Scarlett Johannson, invece, ha dato al mondo una bambina che si chiama Rose, ma foto della piccola non ne sono apparse.

Del resto non tutti sono come Robbie Williams che aveva addirittura portato lo smartphone in sala parto con una diretta social della nascita del suo secondogenito.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti