Capricciosi, volubili, instabili ed emotivi: in una parola "Artisti". I connotati classici di coloro che scelgono una delle arti per esprimersi (che sia cinema, pittura, teatro o musica) non sempre vanno d'accordo con la serie di compromessi e con la pazienza che ci vogliono per manterere in vita quell'alchemica follia che si chiama "Matrimonio".

Per questo ad Hollywood e dintorni le coppie scoppiano come pop corn in pentola. Ma si sa: quando la domanda arriva il mercato risponde e così ecco fiorire, in questi anni, una pletora di consulenti matrimoniali, terapeuti, psicologi, guru, analisti e perfino santoni pronti a prendere per mano la coppia di turno e condurla verso la remissione del litigio.

Lo sanno bene, ad esempio, Angelina Jolie e Brad Pitt habituè di Ron Bard, guru spirituale che li ha tirati fuori dalle crisi ricorrenti.

Tra un Brad "soffocato dalla moglie", un'Angelina iper attiva e sei figli da crescere il guru vien da sè.

Al settimanale tedesco Das Neue la Jolie aveva raccontato: "Quando il mio caro Brad non vuole ammettere di aver sbagliato e reagisce malamente, tra di noi volano anche i piatti. Può succedere che diventi così violenta e arrabbiata da strappargli la camicia".

A Los Angeles, del resto, il 60% delle coppie, vip e non, frequenta un love coath con la stessa disinvoltura con la quale si fa fare un ritocchino qui e una tiratina là.

Pare quasi un must have, un dettaglio cool di una vita In. In certi casi le terapie funzionano, come è successo per Michael Douglas e Chaterine Zeta Jones salvati dal Love Lab di John Gottman quando le carte della separazione erano già pronte.

Altri, come gli Affleck, hanno ceduto dopo averle tentate tutte.

Altri ancora, come nel caso di Chris Martin e Gwyneth Paltrow, hanno contattato la terapeuta che accompagna verso il divorzio felice che permette agli ormai ex coniugi di non passare il resto della vita a lanciare macumbe - se non coltelli - ai danni dell'ex. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti